Dall'AstigianoAttualità

Torna il maltempo sull’Astigiano: gravissimi danni su mais, grano e orzo

Torna il maltempo sull’Astigiano e come al solito il comparto ad aver subito le conseguenze più pesanti è quello agricolo che sembra non conoscere un attimo di tregua. Forti temporali si sono abbattuti nella serata di ieri, lunedì 6 giugno, favorendo veri e propri nubifragi. La cellula temporalesca si è formata pochi chilometri ad est di Torino, con piogge intense, venti fino a 70-80 km/h e grandinate anche di medie dimensioni. In alcune zone sono stati segnalati chicchi fino a 4 centimetri.
L’area maggiormente colpita è stata quella del nord Astigiano, nello specifico nei comuni di San Paolo Solbrito, Villanova d’Asti, Buttigliera, Montafia e Dusino San Michele. I tecnici della Confagricoltura di Asti sono già al lavoro per quantificare i danni derivanti da questa ondata di maltempo. Le aziende agricole della zona del Pianalto astigiano associate alla Confagricoltura lamentano diversi danni alle colture di mais, grano e orzo, ormai prossime alla raccolta con previsione di un raccolto completamente compromesso. Numerosi anche i danni alle coperture di aziende agricole causati dal forte vento che ha letteralmente scoperchiato tetti di abitazioni e fabbricati rurali.
Situazione meno grave ma comunque sotto controllo nell’area del sud astigiano. I comuni più colpiti sono: Nizza, Mombaruzzo e Fontanile, dove si sono verificate forti piogge con la presenza di grandine che ha causato danni su vigneti con un’incidenza indicativa del 20/30%, anche se deve ancora essere effettuata una stima reale dei danni.
La pioggia è sicuramente un fenomeno ben accetto in un’annata alquanto siccitosa, ma le precipitazioni di ieri non sono comunque sufficienti a compensare il grave deficit idrico che si è accumulato nei mesi primaverili”, afferma Enrico Masenga, coordinatore del settore tecnico della Confagricoltura di Asti. “Inoltre la pioggia, se accompagnata da fenomeni atmosferici estremi, come la grandine e il forte vento, rappresenta una minaccia di gran lunga più grave e compromettente della siccità stessa. Siamo di fronte a fenomeni avversi causati da temperature al di sopra della media stagionale che sono la riconferma di cambiamenti climatici sempre più all’ordine del giorno”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com