ALBACultura e Spettacoli

“Tartufo” con Giuseppe Cederna e Vanessa Gravina apre la stagione 2021/2022 del Teatro sociale di Alba

Il Teatro Sociale “Giorgio Busca” inaugura la stagione 2021/2022 mercoledì 8 dicembre alle ore 21.00 con “Tartufo” di Molière, nella traduzione di Cesare Garboli e per la regia di Roberto Valerioche ne è anche interprete, nel ruolo di Orgone.

Protagonista accanto a Valerio è il Tartufo di Giuseppe Cederna, popolare protagonista della scena teatrale, cinematografica e televisiva che torna dopo i suoi one-man-show a inserirsi in un’importante produzione teatrale.

Il ruolo di Elmira è invece affidato a Vanessa Gravina, attrice versatile e amata dal pubblico, perfettamente a suo agio fra tv e teatro.

Completano il cast Massimo Grigò (Lorenzo), Irene Pagano (Marianna), Elisabetta Piccolomini (Madama Pernella), Roberta Rosignoli (Dorina) e Luca Tanganelli (Damide).

Rappresentata per la prima volta nel 1669, ma scritta cinque anni prima e poi censurata, la commedia di Molière è certamente tra le sue più note e una delle più rappresentate. Al centro della vicenda una famiglia agiata alle prese con un insolito personaggio, Tartufo.

Costui spacciandosi per uomo onesto, pio e altruista, riesce a conquistare la fiducia di Orgone, padrone di casa ricco e sprovveduto, tentando in realtà di appropriarsi del patrimonio dell’uomo e di sedurne la moglie. Valerio rilegge il capolavoro del grande commediografo francese – di cui nel 2022 ricorrerà il 400° anniversario della nascita – spostando l’azione dal Seicento all’Italia bene degli anni Settanta ed esplorando la modernità del personaggio ambiguo di Tartufo. Scrive infatti nelle sue note di regia: “Tartufo è molto più di un semplice impostore: un profeta anticonformista. Un guaritore. Un guru fanatico. Che denuncia, maledice e combatte (in apparenza) contro un mondo di materialismo, consumismo, lassismo, dissolutezza, permissività e amoralità. Questo angelo oscuro o demone pietoso irrompe in una famiglia borghese benestante, la sconvolge completamente, prende il controllo, la castiga, la rivoluziona, la assorbe.”

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button