More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Studenti romeni in visita all’IC ARPINO di Sommariva del Bosco

    spot_imgspot_img

    SOMMARIVA DEL BOSCO – Hanno fatto conoscere la cultura, i prodotti tipici e i paesaggi della Romania alle loro compagne e ai loro compagni di Sommariva del Bosco, Sanfrè e Ceresole, e si porteranno a casa immagini e ricordi del loro viaggio in Italia: sono le studentesse e gli studenti di Brasov (città romena di circa mezzo milione di abitanti), che hanno soggiornato una settimana proprio a Sommariva grazie al progetto europeo Erasmus.

    Una decina le ragazze e i ragazzi di 13 e 14 anni, accompagnati da tre insegnanti e dal preside della loro scuola, hanno preso parte a lezioni, attività sportive e ricreative organizzate dalle docenti dell’Istituto Comprensivo “Arpino”. «Per molti dei nostri studenti è stata un’esperienza straordinaria – dicono Sabina Dadone e Laura Gallo, insegnanti di Inglese -. Oltre a sperimentare concretamente l’uso della lingua straniera, si sono confrontati sui loro gusti, sulle loro abitudini, hanno imparato a conoscere contesti diversi senza alcuna barriera o alcun pregiudizio».

    Lo sport è stato un altro elementi di forte unione: la passione per il calcio ha favorito la nascita di amicizie e quella per il rugby, disciplina che proprio nella scuola di Brasov viene molto praticata, ha permesso sia a ragazze sia a ragazzi di trovare un nuovo modo di misurarsi e divertirsi.

    «Per il nostro Istituto è stato un vero piacere poter ospitare la delegazione studentesca di Brasov – spiega la professoressa Anna Giordana, Dirigente scolastica dell’IC Arpino -. Sia i ragazzi sia i docenti si sono confrontati su diversi aspetti dell’attività didattica e si sono scambiati spunti importanti per studiare e fare scuola in modi nuovi per una parte e per l’altra».

    Tra le curiosità che hanno interessato molto gli studenti italiani, il fatto che Brasov si trovi in Transilvania, la regione in cui è effettivamente vissuto il conte Vlad, al quale lo scrittore irlandese Bram Stoker si è ispirato per creare il suo personaggio più famoso: Dracula.

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio