Dal CuneeseEconomia & Lavoro

Stangata di inizio anno per l’autotrasporto, Confartigianato Cuneo: “Così non si può continuare”

Con i nuovi aumenti di carburante e pedaggi si mette a rischio un intero comparto

Con il 2023 ritornano le accise per benzina e gasolio e il prezzo aumenta di circa 20 centesimi al litro. Come se non bastasse, rincarano anche i pedaggi autostradali, con percentuali a random che incidono dall’1,5% fino al 4,5% sul costo precedente. Un’ennesima mazzata economica per un comparto, quello dell’autotrasporto cuneese, che in questi ultimi anni ha sopportato non soltanto le onerose fluttuazioni dei costi, ma anche i pesanti disagi dovuti ai numerosi cantieri dislocati sulle tratte autostradali e lo stop di alcune tradizionali vie di comunicazione a causa di gravi eventi ambientali.

«L’aumento dei pedaggi autostradali – commenta Claudio Berardo rappresentante provinciale dell’Area Trasporti –  si conferma una costante di inizio anno, sempre puntuale e inaccettabile. Siamo davanti all’ennesimo schiaffo al mondo dell’autotrasporto già piegato dal caro costi (carburante, pneumatici, AdBlue, assicurazioni) e alla conferma di una politica distratta davanti alle difficoltà delle categorie economiche. In questi anni abbiamo subito una serie infinita di aumenti che però non hanno garantito un miglioramento del servizio, soprattutto sul fronte delle manutenzioni della rete autostradale. Incremento esagerato dei costi anche sui trafori alpini. Con il fatto che spesso per maltempo il colle della Maddalena è chiuso, siamo costretti a ripiegare sul Frejus, per il quale l’aumento è salito fino a 100 euro a passaggio. E che dire poi, se per qualche ora nevica? E’successo di recente, il manto stradale senza interventi di pulizia, si è rapidamente trasformato in un’interminabile lastra di ghiaccio, costringendoci ad allungare il viaggio di diverse ore. Vorremmo quindi capire, ad esempio, come vengono giustificati questi continui balzelli aggiuntivi».

«Un ennesimo colpo – aggiunge Luca Crosetto presidente di Confartigianato Imprese Cuneo –  che rischia di peggiorare ulteriormente le già pesanti difficoltà che da parecchio tempo affliggono l’intero comparto. Le imprese dell’autotrasporto, sotto la spinta ecologica, in questi ultimi anni hanno investito nel rinnovo dei mezzi e nell’applicazione delle nuove normative per contribuire ad una maggiore tutela ambientale. Oggi, si sta verificando quasi un paradosso: se da un lato si chiede all’autotrasporto di usufruire delle tratte autostradali e dei trafori internazionali per rendere più agevoli le percorrenze nell’ottica della sostenibilità, dall’altro, con questi costi eccessivi, ne si disincentiva l’utilizzo, spingendo le imprese a preferire i percorsi alternativi, più lunghi, impervi e soprattutto più inquinanti. Sulla problematica la nostra Associazione si è subito mossa inviando una lettera al ministro dei Trasporti Salvini, nella quale gli sono state ricordate le recenti promesse di sostegno alla categoria fatte durante la nostra Assemblea nazionale svoltasi a Roma il 22 novembre scorso. Ci auguriamo che sul questo problema possa giungere al più presto una nuova presa di posizione del Governo. In caso contrario, chiederemo un confronto diretto con i referenti governativi per chiedere espressamente uno stop all’aumento dei costi».

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button