Sono ripartite le mostre a Palazzo Salmatoris con la mostra di Gallo

“Il pittore delle Langhe”. Beppe Gallo in una foto di repertorio

Anche il 2019 sarà un anno di grandi mostre a Palazzo Salmatoris nel centro storico di Cherasco. “Il tempo sulle colline” di Beppe Gallo, inaugurata lo scorso sabato, ha aperto questa nuova stagione artistica in via Vittorio Emanuele II.

Gallo, conosciuto come il “pittore delle Langhe”, propone al pubblico le sue percezioni del mondo naturale, un universo colto nei suoi aspetti vitali, un viaggio tra le suggestive colline, tra campi di granoturco, il fiume, i casolari. Un insieme di emozioni che esplodono guardando le tele, sollevano sensazioni inaspettate, con una percezione di natura sensoriale diversa. Un traguardo che Gallo ha raggiunto grazie a un giusto grado di distacco, di serenità, di idealizzazione e di bello che trasferisce nei suoi lavori con uno stile personale e magico. Nato a Castagnole delle Lanze (At), Beppe Gallo dopo gli studi classici ha iniziato a esporre i suoi primi quadri alla galleria d’arte “ Angelo Galeasso” di Alba. Nel 1964 frequenta a Roma un corso di cartellonismo pubblicitario e negli anni successivi collabora come vignettista al settimanale “Famiglia Cristiana”. Dal 1971 inizia a esporre con continuità in gallerie private e in spazi pubblici.

La rassegna di Palazzo Salmatoris presenta un centinaio di opere, un excursus tra un po’ tutto il percorso artistico ormai cinquantennale di Gallo. Resterà visitabile fino al 24 marzo a ingresso libero, dal mercoledì al venerdì con orari dalle 15 alle 19, sabato e domenica dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19.