ALBALANGA DEL BAROLOBRACHERASCOLANGHEROEROVerduno
In primo piano

Sono oltre 300 i bambini nati fino ad oggi presso il nuovo Ospedale Ferrero di Verduno

VERDUNO – A seguito del trasferimento delle attività presso il nuovo Ospedale “Michele e Pietro Ferrero” di Verduno, sono nati oltre 300 bambini.

Il reparto di Ostetricia e Ginecologia si trova al 7° piano ed è composto, per la maggior parte da camere singole con vista panoramica sulle colline delle Langhe. Le stanze, pensate per permettere alla mamma di rimanere vicino al proprio bambino durante la notte e favorire l’allattamento, sono fornite di bagno con doccia ed alcune anche di un comodo divano. Inoltre il reparto è dotato di un soggiorno in cui sarà possibile mangiare in compagnia di altre mamme quando la fine dell’emergenza Covid-19 lo consentirà.

Per i bambini che hanno bisogno di maggiori cure, è prevista un’apposita assistenza presso i locali del nidoche si trova all’interno del reparto di Ostetricia e Ginecologia, a cui i genitori posso accedere liberamente.

Il Blocco Parto si trova al 5° piano e all’interno dei suoi locali è presente il Pronto Soccorso Ostetrico-Ginecologico con accesso diretto. Ciò significa che per accedere a questo specifico Pronto Soccorso, si dovrà seguire la segnaletica stradale che conduce al Blocco Parto.

Qui le future mamme saranno accolte da un’ostetrica e da un medico che si prenderanno cura di loro.
Adiacente al pronto Soccorso ci sono tre sale parto:

  • una dotata di vasca
  • una dedicata al rivolgimento dei podalici
  • la sala operatoria per i tagli cesarei

Sono inoltre presenti tre camere di degenza, con bagno privato, per le osservazioni brevi.

In questo video troverete alcune indicazioni utili sul “Percorso nascita” e sulla sua riorganizzazione avvenuta a seguito dell’Emergenza Covid-19.

Sponsorizzato
Sponsorizzato

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button