LettereRUBRICHE

SOMMARIVA DEL BOSCO – «La casa di riposo cambierà in meglio e senza rischi, il Comune si fidi»

In merito agli articoli comparsi su alcune testate giornalistiche, il Collegio Commissariale della casa di riposo di Sommariva del Bosco ritiene doverose fare alcune precisazioni e considerazioni relative alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 25 febbraio 2019 in merito alla privatizzazione della casa stessa.

Dopo 15 anni la Regione Piemonte ha approvato la legge regionale n. 12 datata 02.08. 2017 sul “Riordino del sistema delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza”, tenuto conto delle problematiche relative ai citati enti.

Il Collegio Commissariale della casa di riposo con deliberazione n. 11 dell’8 marzo 2019 ha votato all’unanimità la trasformazione dell’Ipab ion Fondazione – persona giuridica – di diritto privato richiedendo alla Regione il riconoscimento della personalità giuridica. Le motivazioni in ordine alla scelta di trasformazione in Fondazione sono dovute a tutta una serie di notevoli benefici economici, di carattere fiscale, amministrativo e gestionale (si pensi, a titolo esemplificativo, alla normativa sugli appalti pubblici, a quella in materia di contabilità pubblica e di gestione del personale specie in caso di assenze retribuite e relativi costi). Con la privatizzazione l’Ente non avrà scopo di lucro e manterrà le medesime caratteristiche attuali, continuando a rimanere sotto la vigilanza e il controllo della Regione Piemonte. L’impegno del Consiglio di amministrazione anche per il futuro sarà a titolo gratuito.

Quanto deliberato dal Consiglio comunale in merito alla destinazione del patrimonio dell’Ente ed altri contenuti è oggetto di un intervento da parte della Regione che, autonomamente, con nota datata 11.03.2019 inviata al Comune e per conoscenza alla casa di riposo, ha precisato che alcuni elementi sono stati mal interpretati e riportati e l’affermazione sulla destinazione del patrimonio è “frutto di un’errata applicazione al trasformando Ente di diritto privato, della normativa dettata dal D.lgs n. 117/2017” in quanto “non troverebbe applicazione nei confronti dell’Ipab in questione” e che il Comune, quale destinatario del patrimonio, può essere “inserito in Statuto qualora l’Ente lo ritenesse”.

A tal fine si invita il lettore a prendere visione sul sito della casa di riposto dello Statuto approvato dall’Ente dove il Comune è il primo destinatario dei beni.

Infine per quanto riguarda il capitolo contributi il Collegio Commissariale della casa di riposo ritiene che il Comune non possa rimettere in discussione l’impegno assunto con rogito notarile in data 10.05.2018 ai fini di un contributo economico per la realizzazione di un salone polivalente, lavori tra l’altro già iniziati e in via di conclusione.

A nome del Collegio Commissariale della casa di riposo di Sommariva del Bosco

Il presidente

dott. Bernardino Borri

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button