ROERO OVESTSommariva del BoscoROERODal Comune

Sommariva del Bosco: il Comune compra immobili senza un progetto, è corretto?

SOMMARIVA DEL BOSCO – Può un Comune comprare un immobile senza un piano anche finanziario del suo riutilizzo pubblico? E’ la domanda sottesa alla lettera inviata al sindaco Marco Pedussia e ai consiglieri di Sommariva del Bosco dal gruppo di minoranza SdB+. Oggetto, la delibera con cui a settembre venne autorizzato lo stanziamento di 145mi­­la euro per il passaggio al patrimonio civico di un comparto del paese, un gruppo di edifici di due piani fuori terra tra la centrale via Torino, piazza Seyssel, largo Donatori del Sangue e piazza Caduti per l’Italia.

L’opposizione fa notare come il verbale di questa discussione svoltasi in municipio manchi di intere parti. Proprio quelle in cui SdB+ segnalava carenze o mancanza di documentazione, analisi, supporti indispensabili ad avallare la spesa. Su tutto, la previsione urbanistica dell’area in questione di cui «il provvedimento – scrive la minoranza – non tiene conto».

Poi l’affondo: attenta Giunta alla «limitatezza formale» della tua delibera votata solo dalla maggioranza. Per SdB+ la Cor­te dei Conti potrebbe eccepire. Perché un Municipio non è un’agenzia immobiliare, la progettazione funzionale ed economica deve precedere l’acquisto di un bene. Il sindaco Marco Pedussia ha accennato a un parcheggio, ma come ipotesi, nulla di formalizzato. Quindi «per salvaguardare l’interesse dell’Ente», SdB+ lo invita a «meglio verificare la correttezza» del deliberato «prima d’assumere atti consequenziali».  

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button