ROERO OVESTSommariva del BoscoROERODal Comune
In primo piano

Sommariva Bosco: Adesso il sindaco “fatto fuori” lavora a nuova maggioranza

Sonda possibilità di formare Giunta fedele a lui e al programma Dall’opposizione pronti ad appoggiarlo

SOMMARIVA BOSCO – Sarà la Prefettura a interessarsi del caso di Sommariva del Bosco dove il primo cittadino sarebbe vittima di un «entourage», interessato a stargli attorno «magari per finalità personali o di rivalsa politica, approfittare e speculare»? Se lo farà non sarà per iniziativa dell’opposizione.

Lo assicura al “Corriere” Giorgio Rampone, unico rimasto nella posizione di minoranza assegnatagli dalle urne nel 2019. Tutti gli altri eletti sotto la sigla “Salviamo Sommariva” nel giro di qualche mese sono passati in maggioranza di fatto, siccome con essa da allora collaborano e ne sostengono le delibere in Consiglio. Rampone afferma che non intende fare segnalazione a Cuneo, anche se a suo avviso la situazione venutasi a creare in Municipio va risolta. «L’autorità in carica descritta come interdetta in mano a terzi che la userebbero strumentalmente: è un’immagine per me incredibile ma comunque dannosa per tutto il paese» – osserva Rampone.

E aggiunge: «Io avevo più volte chiesto al sindaco di decidersi, tornare in servizio o dimettersi. E’ una persona che ha avuto una grave malattia, è ancora debole ma l’aspettiamo se intende riprendere il suo posto legittimo. Con un programma di opere utili al paese io sarei disposto ad appoggiarlo. Ma se anche la più parte della maggioranza formatasi grazie a chi ora esclude non lo vuole più, bisognerà prenderne atto». E Matteo Pessione, raccontatosi in una lunga lettera al “Corriere” tradito, denigrato e isolato dalla sua stessa Giunta mentre avrebbe voluto rientrare gradualmente dalla convalescenza, cosa dice? Il sindaco ribadisce che «come certificano anche i dottori da cui sono in cura, dal punto di vista cognitivo sono perfettamente autonomo e presente a me stesso», ma con il vice e gli altri (ex) collaboratori non ha più avuto contatti. Riguardo all’ipotesi dimissioni: «Per me sono l’ultima ipotesi. Prima proverò a sondare la possibilità di ottenere sostegno, tra i consiglieri, a un’altra Giunta, che porti avanti senza storture il programma scelto due anni fa dagli elettori».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button