More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Solidarietà a teatro con “Aggiungi un posto a tavola!” del Piccolo Teatro di Bra!

    spot_imgspot_img

    BRA – La data è il 28 maggio, la location quella dello stupendo Teatro Politeama di Bra, l’occasione è quella della data di debutto del nuovo musical prodotto dall’Associazione di Volontariato Piccolo Teatro di Bra, attiva sul territorio Braidese da oltre 15 anni; la motivazione in più quella di sostenere la rete degli enti locali che promuovono e realizzano progetti di accoglienza a favore di persone titolari di protezione internazionale: il Sistema di Accoglienza e Integrazione (SAI).

     

    Si tratta di un progetto già attivo da alcuni anni, che dispone di 265 posti distribuiti su 19 Comuni della Provincia di Cuneo, tra cui il Comune di Bra, per l’accoglienza di uomini, donne e famiglie titolari di protezione internazionale, che ha lo scopo di favorire il perseguimento dell’autonomia individuale e l’integrazione sociale delle persone accolte.

    Aggiungi un posto a tavola è uno spettacolo che non ha bisogno di presentazione: scritto da Garinei, Giovannini e Iaia Fiastri, musicato da Armando Trovaioli è uno dei più grandi successi del teatro musicale italiano; il Piccolo teatro di Bra ne propone una versione molto fedele all’originale con la regia di Morena Martino e con i costumi di Francesca Surace.

    “Don Silvestro, un sacerdote in contatto diretto con il buon Dio, insieme ai controversi abitanti di un piccolo paesino di montagna, dovranno costruire una nuova Arca per fare fronte ad un probabile nuovo diluvio universale.”

    Lo spettacolo, realizzato interamente con musiche dal vivo, coinvolge circa 50 volontari dell’associazione che partecipano suddivisi tra coro, corpo di ballo, gestione luci, audio e scenografie, che hanno lavorato per due anni alla sua preparazione.

    Non resta che partecipare alla serata di debutto di Aggiungi un Posto a Tavola, a Bra, Teatro Politeama, domenica 28 maggio, alle 21. L’ingresso è libero così come l’offerta che verrà destinata al progetto Sistema di Accoglienza e Integrazione (SAI).

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio