ALBAAttualità

Sit In ad Alba contro “Fondo vita nascente” e DDL Gasparri

Si terrà ad Alba, il 12 novembre, in piazza Pietro Chiodi (quella interna al comune) dalle 17, un sit-in di protesta organizzato dall’associazione ApertaMente contro i cosiddetti Fondo Vita Nascente e Ddl Gasparri. Lo scorso 12 ottobre la commissione della Regione Piemonte ha approvato una delibera presentata da Maurizio Marrone (FdI), in cui si stanziano 400 mila euro per finanziare organizzazioni e associazioni anti abortiste, istituendo anche un piccolo aiuto economico per chi decide di non abortire. Anderlini e Depetro, rispettivamente segretario e tesoriera di ApertaMente, dichiarano: “la nostra regione negli ultimi anni ha sostenuto e incentivato organizzazioni che si oppongono ai diritti sessuali, riproduttivi e di autodeterminazione delle donne, promuovendo l’entrata delle stesse negli ospedali pubblici.

Vogliamo invece che sia garantito il diritto di scelta sul proprio corpo”. Il 13 ottobre scorso è anche stato depositato il Ddl Gasparri, dove si vuole estendere la capacità giuridica al momento del concepimento e non più al momento della nascita. Dichiarano ancora le due attiviste: “un provvedimento simile non solo smantella l’autodeterminazione di chi gesta, ma avrebbe delle implicazioni davvero insostenibili, come la possibilità di incolpare di omicidio volontario chi decide di abortire. È inammissibile”. Durante il sit in i microfoni dell’associazione saranno aperti, per permettere un confronto civile sull’argomento a chiunque voglia partecipare.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button