Siglato il contratto d’appalto: «Ripartono i lavori del nuovo tunnel di Tenda»

E’ stato siglato oggi il contratto d’appalto con l’impresa Edilmaco per la ripresa dei lavori di realizzazione del nuovo tunnel del Colle di Tenda. Ne ha dato notizia un comunicato dell’Anas.

Le attività di costruzione della galleria sul confine tra Limone Piemonte e la Francia sono state sospese nei primi giorni di aprile 2018 quando Anas (Gruppo Fs Italiane) ha risolto il contratto con la precedente impresa appaltatrice a causa di gravi inadempienze e di un ritardo consistente nell’avanzamento dei opere, ulteriormente aggravatosi durante il secondo semestre del 2017.

Definito lo stato di consistenza, che ha permesso di quantificare l’entità delle opere realizzate, a luglio 2018 Anas, ai sensi dell’articolo 140 del decreto legislativo 163/06, ha proposto formalmente il subentro all’impresa Edilmaco, già presente come seconda classificata nella graduatoria della gara originaria. L’impresa, esperite le verifiche del caso, ha ritenuto di voler subentrare nella realizzazione dell’opera.

Solo in seguito, la mandante del raggruppamento ha richiesto l’attivazione della procedura di concordato con lo scopo di gestire lo stato di crisi finanziaria. Per questo motivo nel mese di gennaio scorso Anas ha avviato ulteriori verifiche procedurali con l’Avvocatura di Stato al fine di accertare la percorribilità dell’affidamento. Effettuate le valutazioni del caso, anche a seguito di integrazioni documentali dall’impresa mandante, l’Avvocatura ha emesso il parere positivo in merito alla possibilità di affidare l’intervento ad Edilmaco consentendo così di addivenire alla stipula del contratto.

L’impresa Edilmaco riprenderà i lavori il cui avanzamento è attestato al circa il 23% del totale delle opere in progetto, per un valore residuo di circa 102,5 milioni di euro e proseguirà nell’avanzamento delle opere intervenendo, inoltre, laddove sono state accertate e notificate alla precedente impresa appaltatrice le non conformità di alcune strutture già realizzate. Il progetto prevede la costruzione di una nuova canna mono-direzionale lunga circa 3300 metri e larga circa 9, per una altezza di 4,80. La canna sarà monodirezionale e consentirà il transito dei veicoli nella sola direzione Italia – Francia. Per il collegamento Francia– Italia verrà invece utilizzato il tunnel esistente appositamente ampliato sino a raggiungere le dimensioni delle nuova canna. Le due gallerie saranno collegate da by-pass pedonali e carrabili.

Nelle prossime settimane – conclude la nota – saranno avviate le cantierizzazioni per il riavvio in tempi brevi dei lavori.

FOCUS

GUARDIAMOCI INTORNO

Quelle buche in sequenza reclamano una tappata

Un lettore: Visto che nei giorni scorsi erano all’opera con l’asfaltatura a pochi metri di distanza in viale delle Rimembranze, se avessero avanzato un po’ di catrame… ci sarebbe...

Strada Ca’ del Bosco e quel cantiere che langue a Bra

Un lettore: Non so se faccio bene a rivolgermi al “Corriere” o dovrei scrivere a “Chi l’ha visto?” per ritrovare gli operai che ormai da un mese hanno smesso di lavorare in strad...

È vero che nessuno lo vuole, ma non vada a ramengo

Un lettore: Almeno tenete chiuse le finestre di questo palazzotto di proprietà del Comune in via Vittorio Emanuele II, pieno di centro di Bra… E’ vero che hanno provato a venderl...