dal PiemonteAttualità

Siccità, Bergesio, Lega: “Dal Governo subito Decreto Siccità”.

“Chiediamo al Governo la dichiarazione dello stato di emergenza ed un Decreto Siccità a sostegno della nostra agricoltura e per congiurare le gravi ricadute sul comparto agroalimentare”. Lo afferma il Senatore cuneese Giorgio Maria Bergesio, capogruppo Lega in Commissione Agricoltura, che venerdì ha preso parte all’incontro promosso dalla Regione Piemonte sulla crisi idrica in atto.

“In Piemonte la siccità estrema sta causando una crisi idrica che non ha precedenti, addirittura più grave di quella del 2003 – dice Bergesio -. Fiumi e torrenti sono in secca, il Po scorre a -72% della portata. Ogni giorno si fa più drammatica la situazione di emergenza per i raccolti e gli allevamenti”.

Il Senatore della Lega prosegue: “Il Segretario Matteo Salvini ha chiesto che il Governo entro le prossime ore intervenga subito con un apposito Decreto Siccità per fronteggiare l’emergenza idrica e con il Decreto Energia per rinnovare il taglio delle accise dei carburanti e delle bollette di luce e gas. Sarebbe incomprensibile aspettare oltre”.

Ancora il Senatore: “Inoltre concordo con le richieste del Presidente Cirio e della Regione Piemonte: lo svasamento dei bacini idroelettrici per il rilascio delle acque e la richiesta della deroga al minimo deflusso vitale dei fiumi. Soluzioni a breve termine, ma come chiedo da tempo, dallo Stato devono partire anche progetti strutturali, da realizzare subito con le risorse del Pnrr, come le reti di piccoli invasi a basso impatto paesaggistico. E, nell’immediato, con la Commissione Agricoltura del Senato abbiamo chiesto ed ottenuto di posticipare di almeno due anni l’attuazione della disciplina del deflusso ecologico, le cui sperimentazioni si concluderanno il 31 dicembre 2024, e che è destinato a soppiantare il deflusso minimo vitale”.

“Non c’è altro tempo da perdere: come ha ben detto il Sottosegretario alle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio, capo dipartimento Agricoltura della Lega, la siccità sta bruciando i campi con conseguenze disastrose su colture e animali, e sta mettendo a rischio il made in Italy agroalimentare, già in difficoltà per l’aumento dei costi di produzione. Il Governo dichiari subito lo stato di emergenza per le regioni più colpite e intervenga con misure urgenti e concrete per evitare la catastrofe”, conclude il Senatore Bergesio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com