LettereRUBRICHE

Si spacciava venditore per la “Sorgenia”: nei guai albese e il suo socio informatico

Il procuratore Alberto Perduca e il sostituto Simona Macciò di Asti hanno concluso le indagini preliminari e inviata relativa comunicazione ad A. R., albese, difeso dall’avvocato Roberto Ponzio, e a M. G., di Moncalieri (To), patrocinato dall’avvocato Giorgio Tribah del Foro di Biella. A entrambi viene contestata la sostituzione di persona a fini di truffa con l’aggravante di precedenti specifici.

I fatti contestati risalgono all’ottobre del 2015 e hanno per oggetto 500 contratti di fornitura di energia elettrica risultati falsi. Secondo quanto ricostruito, A. R. si recava porta a porta sostenendo di essere incaricato di vendita da parte della Sorgenia, una delle principali società italiane attive nel settore multiutility. In questo modo sarebbe riuscito a chiudere 500 contratti per le agenzie milanesi “Royal Group” e “Levi Gas” e per la “Linea Più” di Pavia richiedendo provvigioni per 40mila euro. Queste avrebbe dovuto dividerle con M. G. il cui compito era quello di compilare e trasmettere le transazioni per via informatica. Ma i contratti, in realtà, non sarebbero mai stati realmente conclusi positivamente con il cliente. Così come Sorgenia non aveva conferito ad A. R. alcun mandato a vendere. Di qui l’accusa di sostituzione di persona ai fini di truffa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com