More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Servizio mensa scolastica: il Comune di Ceva ringrazia scuola, volontarie e associazione Futuro Donna

    spot_imgspot_img

    Il Comune di Ceva ha voluto ringraziare pubblicamente le volontarie per il loro impegno, la scuola dell’istituto comprensivo Momigliano per l’iniziativa e l’Associazione Futuro Donna: a loro si deve il servizio di assistenza durante i pasti alla mensa per tre giorni alla settimana. Inoltre si prodigano ad accompagnare gli alunni delle scuole Medie alla mensa, sempre alla presenza del preside della scuola e del suo vice. Servizi importanti, che altrimenti non avrebbe potuto essere garantiti. Per questo il Comune di Ceva ha voluto esprimere con un piccolo gesto la sua riconoscenza, per premiare non solo l’impegno e l’importanza dell’iniziativa svolta ma anche per sottolinearne il valore sociale.

     

    “La collaborazione tra Enti ed Associazioni è il sale di una Comunità – sottolinea il vicesindaco Lorenzo Alliani -. Trattandosi della Mensa scolastica la metafora è più che mai azzeccata ed efficace per spiegare il risultato ottenuto nell’organizzazione di questo importante Servizio. L’Associazione Futuro Donna, l’Istituto scolastico comprensivo Momigliano ed il Comune di Ceva hanno garantito l’assistenza durante le ore dei pasti, preparati dalla ditta Cress. Il Servizio non si sarebbe potuto garantire se non ci fosse questa importante partnership. Ed è con orgoglio e grande rispetto che ringraziamo la Presidente di Futuro Donna Anna Ardissono e le sue stupende collaboratrici, il Preside Gabetti e la Vicepreside Porro per l’instancabile e preziosa professionalità con cui organizzano l’attività scolastica mensa compresa. Il Volontariato cebano insieme alle Istituzioni alla domanda “cosa fai per la tua Comunità?” ha già risposto con i fatti. A loro va un grande ringraziamento, Ceva è viva e lo dimostra”.

    Alle volontarie è stato consegnato un libro a testa, ossia “Il Governatore del Forte” e la scuola con una stampa di Ceva.

    “Esprimo, a nome della comunità scolastica del Momigliano – ha detto il preside Bruno Gabetti -, la mia grande riconoscenza nei confronti di tutte le volontarie dell’Associazione “Futuro Donna”, presieduta dall’instancabile e sempre sorridente dottoressa Anna Maria Ardissono. Grazie alla loro generosità e disponibilità, hanno consentito alla scuola di realizzare un importante progetto di potenziamento della qualità didattica che altrimenti non sarebbe stato sostenibile. In particolare, grazie all’impegnativo e qualificato servizio di assistenza alle Mense di Ceva (primaria e secondaria), Mombasiglio (primaria) e Sale delle Langhe (primaria) le volontarie di Futuro Donna hanno reso possibile un significativo aumento e arricchimento del tempo-scuola didattico per i bambini. Infatti ore di assistenza mensa effettuate dalle volontarie hanno consentito alle insegnanti un significativo numero di ore a disposizione per compresenze e altre attività didattiche. Grazie di cuore anche al Comune, che, attraverso i rimborsi alle volontarie di alcune spese vive, sta supportando gli sforzi dell’Associazione Futuro Donna”.

    “L’associazione di volontariato Futuro Donna OdV ha tra le proprie finalità il sostegno alle donne e ai loro figli”, ha spiegato durante la consegna dei doni da parte del Comune di Ceva, il presidente dell’associazione Anna Maria Ardissono.

    “Non poteva quindi non cogliere la richiesta di aiuto del Comune di Ceva e di altri Comuni limitrofi, quali Mombasiglio e Sale delle Langhe, e dell’Istituto  scolastico Momigliano per la realizzazione di un servizio così importante per le famiglie, ma in particolare per le mamme e soprattutto per quelle che hanno un’occupazione lavorativa che le tiene fuori casa per più ore al giorno, impedendo loro di far rientrare a casa i figli per pranzo. Radunate le proprie volontarie, integrate da nuove persone che hanno dato la loro disponibilità, con entusiasmo si è accettato di svolgere il servizio di accompagnamento in mensa di bambini/e e ragazzi/e per l’anno scolastico in corso, servizio già svolto per una decina di anni antecedenti la pandemia”

    Il presidente dell’associazione ha anche sottolineato che quello svolto nel Cebano, è un servizio che va a inserirsi in un più ampio progetto di collaborazione tra Associazione Futuro Donna, Comune e Scuola, il cui obiettivo è contribuire a fermare non solo la violenza di genere, ma la violenza in tutte le sue forme. Tematiche su cui Scuola e Famiglia giocano un ruolo fondamentale nell’educazione dei giovani, che sono gli adulti di domani. La dottoressa Ardissono ha anche ringraziato tutte le volontarie che si sono rese disponibili, ricordando che se altre persone volessero unirsi in questo servizio di assistenza mensa dei minori, possono telefonare al 3735088683 reperibile h24 lasciando le proprie generalità e un recapito telefonico.

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio