LANGA DEL BORMIDACortemiliaLANGHECRONACA
In primo piano

Se ne è andato ad 84 anni Giuseppe Canobbio: era il “Re” della torta di nocciole

CORTEMILIA – Il paese saluterà venerdì 21 maggio Giuseppe Canobbio, il maestro pasticcerie, Re della torta di nocciole venuto a mancare nella giornata di ieri. Originario di Vesime dove nacque nel 1936 Canobbio arrivò a Cortemilia nel 1963 dove insieme alla sua famiglia diede vita a quello che oggi è il suo locale “La Corte di Canobbio” in piazza Molinari. Conosciuto e apprezzato da tutti, Giuseppe Canobbio era da tempo ammalato, lascia la moglie Ester e le figlie Paola, Claudia e Barbara. Questa sera, giovedì 20 maggio, alle 20.30, sarà recitato il Rosario nella chiesa di San Michele a Cortemilia dove domani, venerdì 21 maggio, alle 16, si terrà il funerale.

Un messaggio di cordoglio e di vicinanza giunge anche dal Presidente e Direttore dell’Associazione Commercianti Albesi.

«Con Giuseppe Canobbio se ne va un imprenditore di valore dell’Alta Langa, dal grande intuito e capace di felici realizzazioni – commentano dall’ACA il presidente Giuliano Viglione e il direttore Fabrizio Pace -. Per circa 60 anni ha deliziato i palati più appassionati di tipicità, con le sue celebri torte, comprendendo le straordinarie potenzialità della nocciola in un’epoca in cui la nostra terra, forse, non ne aveva ancora consapevolezza. La successiva creazione di una struttura ricettiva a integrazione del laboratorio e del magnifico locale ai piedi della torre di Cortemilia, meta di un pubblico locale affezionato e di tantissimi turisti italiani e stranieri, ha completato la figura di un interprete entusiasta della sua Langa, della quale è stato instancabile promotore e legittima bandiera.

L’Associazione Commercianti Albesi partecipa al dolore della moglie Ester, delle figlie Paola, Claudia e Barbara, impegnate nella prosecuzione dell’attività paterna».

Ai familiari giungano le più sentite condoglianze anche da parte di tutta la Redazione del Corriere di Alba Bra

(vedi manifesto di lutto)

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button