dal PiemonteScuola

Scuola: Lega, su scuolabus regole lontane da comunità, da ministro scarsa conoscenza enti locali

ROMA –  “Abbiamo aspettato alcuni giorni per dare tempo al ministro Azzolina di correggere il tiro, senza risultati: le regole imposte per il distanziamento sugli scuolabus alla ripartenza dell’anno scolastico negli allegati del c.d. Decreto Agosto (max 15 minuti di tragitto a pieno carico e un metro tra un passeggero e l’altro) dimostrano ancora una volta la scarsa conoscenza del mondo delle amministrazioni locali” così il deputato della Lega Flavio Gastaldi, sindaco di Genola e vicepresidente Anci Piemonte alle Politiche Istituzionali. “Grazie alla collaborazione di insegnanti e dirigenti, i sindaci hanno messo sul tavolo un piano per la ripartenza dell’anno scolastico ipotizzando ingressi scaglionati e differenti entrate/uscite con la promessa di riaggiornarci a fine agosto nell’attesa che il Governo dia indicazioni chiare e puntuali, anche per rispetto di milioni di genitori a cui oggi non sappiamo ancora dare risposte certe. Tutti i Comuni avranno problemi, soprattutto quelli piccoli e montani, dove spesso gli scuolabus coprono lunghi tragitti – precisa Gastaldi – E’ giusto prevedere regole a tutela della salute di ragazzi e personale, ma non è possibile che le inevitabili maggiori spese gravino sulle casse dei Comuni, già provate dall’emergenza Covid”.

“Ancora una volta il Governo è lontano dalla realtà, dalle esigenze degli enti locali: in un periodo in cui molti Comuni sono in ristrettezze economiche e non possono pertanto né assumere, né acquistare mezzi nuovi (senza parlare che nella maggior parte delle situazioni non vi è nemmeno la figura professionale idonea all’utilizzo) né tantomeno affidare in tutto o in parte il servizio a terzi. Abbiamo chiesto ai nostri rappresentanti Lega che portino queste istanze al Governo. Manca meno di un mese all’inizio delle scuole ed ogni giorno ci troviamo di fronte a delle “azzolinate”: ricordiamo che il nostro paese è fatto di città, ma anche e soprattutto di piccole realtà che lottano ogni giorno contro burocrazia e normative opprimenti” conclude Alessio Brondino, responsabile provinciale Enti Locali della Lega di Cuneo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button