Dal CuneeseScuola

Scuola Edile di Cuneo: Formazione e sicurezza al servizio di giovani e aziende

L’Ente, guidato dalla neo direttrice Laura Blua, punta all’innovazione offrendo corsi gratuiti per ragazzi tra i 14 e i 18 anni e servizi specifici studiati per le imprese edili

Formazione e sicurezza sono le parole chiave con cui la Scuola Edile di Cuneo affronta la ripresa dell’attività dopo l’estate, con una spiccata impronta innovativa e dinamica. Ente bilaterale di categoria, promosso e gestito insieme dalle associazioni imprenditoriali e dalle organizzazioni sindacali, la Scuola è presente sul territorio provinciale dal 1973 con l’obiettivo di formare gli operatori edili promuovendo l’incontro tra domanda e offerta. Quattro le sedi: oltre a quella centrale di Cuneo, ci sono quelle operative di Savigliano, Boves e Alba. La presidente Elena Lovera è a capo di un Consiglio di Amministrazione composto da delegati di Confindustria – Ance (Pierelisa Balaclava, Andrea Paoli e Claudio Pontiglione), Confartigianato Anaepa (Paolo Manera e Enrico Molineri), Feneal- Uil (Salvatore Correnti e Giuseppe Manta), Fillea – Cgil (Marco Ricciardi e Nicola Gagino) e Filca Cisl.

Da qualche mese c’è una nuova direttrice: Laura Blua, geometra, già da vari anni responsabile della progettazione, organizzazione e gestione dei corsi della Scuola Edile: «Sono felice ed orgogliosa di questo nuovo incarico, di cui sento la grande responsabilità. Credo molto in questa Scuola: conosco la qualità dei corsi e so quanto sia importante la formazione che viene data per l’inserimento nel mondo del lavoro. I numeri confermano che le opportunità che si aprono a chi frequenta la nostra Scuola sono importanti, sempre di più le aziende richiedono figure che abbiano già solide basi tecnico-professionali. I nostri corsi permettono ai giovani di iniziare a costruire il proprio futuro professionale».

«A nome del Consiglio di Amministrazione, sono molto soddisfatta della nuova organizzazione dinamica e al passo con i tempi della Scuola Edile di Cuneo», aggiunge la presidente Elena Lovera. «L’edilizia oggi è in grande fermento ed è fondamentale per la nostra Provincia riuscire ad avere lavoratori adeguatamente formati e pronti per operare con competenza e in sicurezza».

Totalmente gratuiti, i corsi per operatore edile sono rivolti a giovani tra i 14 e i 18 anni. Rappresentano la soluzione ideale per chi ama la concretezza, ha una predisposizione per le attività manuali ed è affascinato dall’idea di lavorare all’aria aperta e in un team. L’operatore edile formato dai corsi della Scuola Edile è una figura professionale polivalente, in grado di interpretare il disegno tecnico, realizzare strutture, intonaci e finiture, eseguire le fasi di preparazione, assemblaggio ed installazione di casseforme lignee e metalliche di piccola prefabbricazione.

Il percorso si sviluppa su tre anni, per un totale di 990 ore ciascuno. Oltre all’area tecnico-professionale, in cui ci si concentra sulla tecnica costruttiva, sulla sicurezza, sul disegno tecnico e sulla tecnologia edile, con laboratori di esercitazioni pratiche, i corsi formano i partecipanti anche nell’area matematica-scientifica-tecnologica ed in quella linguistica e delle scienze umane. Fondamentale la parte di tirocinio, realizzata in imprese selezionate della provincia di Cuneo, ma c’è la possibilità di sperimentare periodi di stage anche all’estero, in collaborazione con le principali Scuole Edili europee.

Il titolo di operatore edile polivalente rilasciato al termine del percorso triennale è riconosciuto a livello nazionale e dà la possibilità di lavorare come muratore, intonacatore e carpentiere, oppure di specializzarsi nella decorazione e nel restauro. Le opportunità di crescita professionale sono molto interessanti: col tempo, ci si può trovare a coordinare una squadra di cantiere o ad avviare un’attività in proprio.

Quella di entrare immediatamente nel mondo del lavoro non è però l’unica strada offerta dai corsi della Scuola Edile: chi vuole proseguire gli studi, può farlo frequentando il quarto anno di formazione professionale o intraprendendo un percorso di istruzione per conseguire un diploma di scuola secondaria di secondo grado, per esempio quello di Geometri.

Sono ancora disponibili alcuni posti per i corsi, che si svolgono nella sede della Scuola Edile di Savigliano, strategicamente centrale per partecipanti provenienti da tutta la Granda, ma anche dal Torinese. Verranno forniti gratuitamente i dispositivi di protezione individuale e gli attrezzi per i laboratori e le esercitazioni pratiche, i libri ed il materiale scolastico. Per chi arriva da fuori, la Scuola rimborsa le spese di trasporto e dei pasti nelle giornate in cui i corsi si svolgono sia al mattino che al pomeriggio.

Oltre all’attività rivolta agli studenti, la Scuola Edile di Cuneo si occupa di formazione aziendale, con una vasta proposta formativa e l’opportunità di effettuare corsi specifici, fornendo un servizio ad hoc studiato in base alle singole esigenze, con la possibilità di organizzare le lezioni nella sede della Scuola più vicina o anche all’interno delle stesse aziende. A breve, ci sarà inoltre la possibilità di sostenere, oltre ai corsi per cappotti, anche gli esami per l’abilitazione come posatori di sistemi a cappotto.

 

Per iscrizioni ai corsi e per ricevere ulteriori informazioni, è possibile scrivere a scuolaed@scuolaedilecuneo.it, oppure rivolgersi alle sedi della Scuola Edile di Cuneo, in corso Francia 14/c (tel. 0171 697306) o di Savigliano, in via Comitato Liberazione Nazionale 6 (tel. 0172 717821).

 

 

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button