Dal CuneeseAttualità

Savigliano ha vinto due bandi per contrastare il disagio giovanile

35.000 e 21.500 euro dalla Regione Piemonte  per promuovere il benessere di ragazzi e studenti

Il Comune di Savigliano ha vinto due bandi della Regione Piemonte relativi ai giovani e al contrasto del disagio giovanile.

Uno, focalizzato in particolare sulla promozione del «benessere psicofisico», sarà finanziato per 35.425 euro. Per l’altro, denominato “Ac-cogliere” e riguardante la realizzazione di «progetti finalizzati al contrasto del disagio biopsicosociale e della povertà educativa», verrà assegnato un contributo di 21.500 euro.

Il progetto sul benessere psicofisico si propone di intercettare i giovani del territorio contrastando le situazioni di isolamento, di promuovere luoghi e situazioni di benessere e partecipazione, e poi di supportare, anche dal punto di vista psicologico, i giovani che ne abbiano necessità. Tramite laboratori, incontri ed attività in centri di aggregazione, con specifiche figure educative e professionali (dagli educatori agli psicologi).

Il progetto “Ac-cogliere” vuole invece supportare il lavoro scolastico, proponendo attività a sostegno delle difficoltà emergenti, promuovendo lo star bene a scuola, prevenendo il disagio e le difficoltà di apprendimento e creando rete tra scuole, famiglie ed enti del territorio. 

Sarà composto da alcune “azioni” pratiche e vedrà il coinvolgimento di numerosi enti, cooperative, scuole e realtà del territorio saviglianese.

«Gli anni della pandemia e le difficoltà del lockdown hanno impattato in modo particolare sulla vita dei giovani – spiegano gli assessori alle politiche giovanili Filippo Mulassano e alle politiche sociali Anna Giordano –. Riteniamo prioritario contrastare le nuove problematiche del disagio giovanile con azioni a livello territoriale, che coinvolgano più enti e realtà educative. Grazie a queste risorse regionali avremo uno strumento in più per favorire la ripresa della vita quotidiana dei nostri ragazzi e il recupero di relazioni sociali positive».

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button