dal PiemonteSanità

Sanitari Covid, verso la proroga annuale dei contratti

Proroga di un anno per gli operatori sanitari con contratto a tempo determinato in scadenza il 31 dicembre, assunti nella prima fase dell’emergenza Covid. Questo l’accordo che l’assessorato alla Sanità sta discutendo al tavolo di confronto con le organizzazioni sindacali.

La proposta è stata illustrata in una nota letta in aula dall’assessore Vittoria Poggio, a firma del collega Luigi  Icardi,  in risposta al question time del capogruppo del Partito democratico Raffaele Gallo, che ha chiesto  all’amministrazione regionale come intenda garantire i circa 6mila lavoratori della Sanità piemontese a rischio  scadenza, prima dell’entrata in vigore della Legge di Bilancio approvata dal governo, per stabilizzare i contratti, prorogarli e rivedere il tetto di spesa delle Regioni.

“Stiamo valutando forme di stabilizzazione  e di tutela dei lavoratori reclutati con rapporti di lavoro non a tempo indeterminato introdotte nell’ordinamento in fase emergenziale – specifica nella nota Icardi –  La  possibilità per le aziende e gli enti del sistema sanitario nazionale di avvalersi, anche mediante proroga non oltre il 31 dicembre 2022, degli incarichi a tempo determinato è prevista nel disegno di legge Bilancio di previsione  2022 , approvato nell’ultimo Consiglio dei ministri dello scorso 28 ottobre, cosi come un incremento strutturale delle dotazioni di personale  è previsto nel  Piano nazionale di Ripresa e Resilienza.

“Il rischio al quale bisogna porre rimedio tempestivamente – dichiara Gallo – è che 5700 lavoratori sanitari tra infermieri e tecnici restino a casa prima dell’entrata in vigore della legge di Bilancio nazionale. La sanità piemontese si vedrebbe privata di figure essenziali per garantire il funzionamento dei servizi, proprio in un momento in cui si sta assistendo a un nuovo incremento di contagi. È necessario che la Giunta prenda una posizione chiara. Bene la proroga, ma questa soluzione è soltanto temporanea e rinvia di un anno il problema degli organici del personale nella sanità”.

Durante i question time è stata data risposta anche alle seguenti interrogazioni a risposta immediata di Alberto Avetta (Pd) su Lavori “urgenti” all’ospedale di Ivrea; di Silvio Magliano sui pazienti con lesioni al midollo respinti all’Unità Spinale del Cto di Torino: cosa farà la Giunta in merito?; di Domenico Rossi (Pd) sulla crisi del Gruppo ISAGRO; di Sean Sacco (M5S) su Criticità sul trasporto sanitario di emergenza; di Marco Grimaldi (Luv) su modalità e criteri di finanziamento dei progetti inclusi nel Next Generation Piemonte”; di Sarah Disabato sull’uso degli anticorpi monoclonali per Covid-19 in Piemonte;

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button