dal PiemonteSanità

Sanità: In Piemonte medico di base anche ai senza fissi dimora

TORINO – La Regione Piemonte fornirà l’assistenza sanitaria del medico di medicina generale anche ai senza fissa dimora, che a Torino sono stimati in circa 2.500, di cui il 60% stranieri.

E con lo stanziamento di 200 mila euro finanzierà soggetti del terzo settore per rinforzare i servizi di strada.

Il tutto è contenuto in un protocollo approvato oggi dalla Giunta regionale su proposta degli assessori alla Sanità, Luigi Icardi, e al Welfare, Chiara Caucino.

    L’intesa riguarda per ora Torino e coinvolge Prefettura, Comune, Città Metropolitana, Asl città di Torino, Diocesi, Circoscrizioni comunali di Torino e Federazione italiana Organismi Persone senza dimora (Fiospd), ma è aperta ad altri eventuali soggetti, come le Fondazioni bancarie. La Regione garantirà ai senza fissa dimora i Lea, favorendo l’accesso ai servizi e promuovendo l’iscrizione al Servizio sanitario e la scelta del medico di medicina generale.
“L’approccio ai bisogni delle persone senza dimora – dice Icardi – richiede un’azione integrata. Questo protocollo punta a intervenire in una situazione critica: occorre fare rete per individuare soluzioni a un problema che è sempre più grave”.
“Per la prima volta – aggiunge Caucino- è di fondamentale la Regione si impegna a fornire ai senza fissa dimora un sostegno sanitario e sociale. Proseguiremo la sensibilizzazione dei Comuni, in particolare quelli del Torinese, sull’importanza dello strumento delle residenze fittizie e sulla necessità di accompagnare questa prassi con il servizio accessorio del recapito postale, per alleggerire la pressione sul capoluogo”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button