dal PiemonteAttualità

Saldi dal 5 gennaio, spesa media in calo a 140-160 euro

Inflazione e incertezza economica condizioneranno dopo il Natale anche i saldi, al via il 5 gennaio a Torino e in Piemonte fino al 2 marzo.

Da un’indagine dell’ufficio studi di Confesercenti risultano “in calo, anche se non drammatico” sia la spesa media (140-160 euro contro i 150-180 della scorsa stagione), sia la percentuale dei consumatori che dichiara di voler approfittare degli sconti (40% contro il 42% dei precedenti saldi invernali).

Caute anche le aspettative dei commercianti: dopo le festività all’insegna del risparmio, la clientela – spiegano – non pare orientata a compensare con i saldi le minori spese delle settimane precedenti. Per fortuna – aggiungono gli esercenti – i saldi partono in un week end lungo e il meteo si annuncia clemente: due elementi che dovrebbero incoraggiare le persone a uscire e magari farsi tentare dagli acquisti.

    “Speriamo che sia proprio la prospettiva di risparmiare in un momento così difficile a indurre i consumatori agli acquisti” commenta Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti.
I piemontesi – secondo l’indagine – compreranno uno o più prodotti, specialmente nel settore dell’abbigliamento, preferito da oltre l’80%: al primo posto le scarpe; poi cappotti e giacche, camiceria e maglieria, intimo, pelletteria (cinture, accessori, borse). Si punta anche su elettronica e accessori per la casa. Un altro 40% si riserva di decidere se acquistare sulla base delle offerte che riscontrerà. Il 51% dei consumatori (due punti percentuali in più rispetto allo scorso anno) dichiara che non spenderà più di 100 euro.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button