Russo al posto di Genta? «Non è vero». Allasia non si ricandida, Amajou protrae la riserva

E’ passato più di qualche giorno come aveva indicato ormai due settimane fa su questa stessa pagina il capogruppo consiliare di Forza Italia Massimo Somaglia. L’annuncio previsto non è arrivato. Tuttavia, non sarà Roberto Russo il candidato a sindaco del centrodestra a Bra. Che dovrebbe – condizionale d’obbligo a questo punto – confermare la scelta di Annalisa Genta.

Evidentemente le trattative tra i partiti e le liste civiche di quest’alleanza non sono ancora perfettamente concluse a tutti i livelli. Il nome di Russo, classe 1975, libero professionista già assessore sotto la Zizzola e poi in Provincia dove è stato anche vicecoordinatore forzista, è circolato la settimana scorsa come possibile alternativa all’avvocatessa in orbita Lega già data per sicura “papabile”. Ma Russo parla di illazioni senza fondamento, smen­tisce. «Quella di Annalisa Genta è un’ottima can­didatura, una bella novità che coniuga l’aspetto della professionalità con importanti esperienze anche nel settore pubblico» – ha dettato Russo in una dichiarazione richiesta dal “Corriere”. E ha aggiunto: «Per ciò che mi riguarda, mi inorgoglisce molto che qualcuno abbia pensato a me per l’incarico di sindaco, ma ritengo di poter essere utile a Bra anche in altri ambiti».

Staremo a vedere.

Intanto Gianni Fogliato, ufficialmente presentato ormai quasi un mese fa dalla coalizione di centrosinistra, prosegue la sua corsa solitaria. Per rimontarlo c’è tempo, le elezioni saranno a maggio. Gli sfidanti non mancheranno, anche se per ora si fanno attendere.

“GRILLINI” E SINISTRA

Il Movimento 5 Stelle non ripresenterà Claudio Allasia quale suo candidato a sindaco alle prossime comunali di Bra. L’unico pentastellato eletto in Consiglio nel 2014 dichiara al “Corriere”: «Non sarò in lista neppure come consigliere, mi dispiace molto ma non sono in grado di portare avanti l’impegno» politico oltre a quelli che non si possono derogare con la famiglia e sul lavoro. Ad Allasia abbiamo ancora chiesto: è ipotizzabile, viste le recenti aperture a livello nazionale, che M5S possa presentarsi a Bra in alleanza con una o più liste civiche? «Allo stato non vi è alcuna possibilità. L’apertura è solo a livello di agenda», se ne parlerà forse per altri appuntamenti amministrativi.

A sinistra, invece, riguardo all’idea di dar vita a un’iniziativa elettorale rivolta anche ma non soltanto ai delusi dai 10 anni di governo dell’alleanza guidata da Bruna Sibille, Abderrahmane Amajou, il consigliere di “Città per vivere” al quale è stata chiesta disponibilità a candidarsi, non ha ancora sciolto la riserva. Su Facebook ha scritto che «la decisione è difficile». Anche perché una lotta fratricida con la coalizione di Gianni Fogliato potrebbe finire per fare il gioco del centrodestra a trazione leghista. Quanto di più lontano dagli auspici del primo musulmano eletto a Palazzo Civico che annuncia «un incontro in settimana per capire meglio cosa fare».

X