dal PiemonteCRONACA

Rubavano nelle case e ritraevano i padroni nel sonno

Il capo della banda in una intercettazione registrata dagli inquirenti diceva: «Sono fissato, sono entrato dentro e ho fatto le foto della figlia». Così facevano questi svaligiatori di abitazioni. Si introducevano nel cuore della notte, facevano bottino di tutto quello che riuscivano a trovare e prima di fuggire scattavano “foto ricordo” ai proprietari di casa che dormivano.

La banda è stata sgominata dai carabinieri che hanno notificato, a Torino e a Genova, quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere. Riguardano tre cittadini albanesi e un italiano. Sottoposte a fermo altre due persone.

Per tutti le accuse, a vario titolo, sono di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti in abitazione e di autovetture e ricettazione. Sono ritenuti responsabili e di almeno 79 colpi messi a segno tra marzo e novembre 2018 nelle province di Asti, Cuneo e Torino. I malviventi utilizzavano un “succhiello”: bucavano con accortezza i serramenti di una finestra con questo attrezzo da falegname, poi facevano scattare la maniglia infilando una piccola pinza.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com