Il Rotary Roero dona ecografo al “S. Lazzaro”

334
La consegna. Dirigenti Rotary, vertici Asl e personale ospedaliero posano col nuovo strumento

I Rotary Club Canale-Roero e Alba hanno portato a termine nei giorni scorsi un’importante missione. Nella Sala Gosso dell’Ospedale “San Lazzaro” il presidente roerino Silvano Picollo ha infatti consegnato ai responsabili del nosocomio un nuovo e modernissimo ecografo. «Il suo acquisto –ha spiegato lo stesso Picollo – ci era stato suggerito a suo tempo dall’avvocato Gianluca Costa, assistente del governatore albese. Era stato proprio lui, infatti, a raccogliere l’istanza di alcuni dipendenti del reparto guidato dal dottor Giusto Viglino».

Si tratta di una donazione e di un investimento considerevole, visto che il costo del sofisticato strumento supera infatti gli 8mila euro. Per far comprendere la portata di questo “service”, lasciamo la parola al dottor Viglino: «L’ecografo – ha precisato – troverà ora proficuo e ampio utilizzo nell’ambito della cura dei malati di insufficienza renale cronica in fase terminale, sottoposti a trattamento emodialitico periodico. In particolare esso sarà prezioso in ogni fase della preparazione e del collegamento alla vena, per un trattamento che è da considerare “salvavita”».

Parole di apprezzamento sincero sono giunte anche dal dottor Danilo Bono, direttore generale dell’Asl Cn2, il cui “grazie” è giunto anche in riferimento al personale ospedaliero attivo nella struttura albese, e per il quale l’ecografo sarà crocevia di una specifica attività di formazione al suo pieno utilizzo, all’insegna dei canoni di alta professionalità che distinguono l’Asl al servizio di tutto il territorio.

Ai ringraziamenti ha fatto eco la dichiarazione del governatore roerino, che ha sottolinato come «la nostra sezione, oltre a contribuire nel finanziare progetti internazionali come il “Polio Plus”, è particolarmente attento alle realtà dell’area. L’attività legata all’ecografo è un progetto realizzato in parte coi fondi distrettuali e in parte con l’aiuto dei Club di Alba e Bra, coi quali collaboriamo da tempo anche su loro altre iniziative».