dal PiemonteCRONACA

Rosso: io mai corrotto, ma drogato di consenso

Altro che corrotto, Roberto Rosso, pronipote di san Giovanni Bosco, già più volte parlamentare, sottosegretario nel Governo Berlusconi III, consigliere comunale a Torino, vicepresidente e poi di nuovo, con l’attuale governatore Cirio, assessore regionale in Piemonte, è malato. «Sono affetto della sindrome bipolare, alterno momenti “up” a quelli “down” e in quelli di euforia le campagne elettorali erano la mia droga». Così, infatti, è iniziata la dichiarazione spontanea che Rosso questa mattina ha chiesto di fare di fronte al Tribunale dove è imputato di voto di scambio politico-mafioso.Era stato arrestato il 20 dicembre 2019, accusato di aver comprato un pacchetto di voti dalla ’ndrangheta. Il processo in cui è a giudizio è il “Fenice-Carminius” appunto sulle infiltrazioni della mafia calabrese nel Torinese.In aula Rosso è poi stato interrogato dal pubblico ministero Paolo Toso. I difensori sono gli avvocati Giorgio Piazzese e Franco Coppi.

«Ho letto e riletto le ordinanze in cui mi si accusa e da un anno e mezzo mi chiedo come possa essere finito in una situazione del genere» –ha continuato Rosso, agli arresti domiciliari dopo circa 100 giorni di carcere.E ancora: «Durante l’interrogatorio (di garanzia, ndr) ero uscito con una battuta infelice: “Sarò da perizia psichiatrica” – dissi. Grazie al percorso di psicoterapia che il Tribunale mi ha concesso di fare, ho capito che sono affetto da disturbo bipolare».

Rosso fu filmato insieme a individui legati alla criminalità organizzata, che avrebbero chiesto 15mila euro per farlo votare alle ultime regionali.«Non ho mai pagato per voti – ha concluso Rosso –. Mi chiedo ancora oggi come io sia finito dentro questa vicenda».

Vedremo cosa riterrà di disporre il giudice. 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button