Roero Days: cronaca di una vittoria “in casa”

114
Degustazioni. Un'immagine della manifestazione a cui si riferisce l'articolo

Duemilacinquecento visitatori, 76 cantine aderenti (il 36% in più rispetto alla passata edizione), e la sensazione di un successo anche su scala internazionale: sono questi i dati e gli effetti della scelta di “giocare in casa” l’edizione 2018 dei Roero Days. Organizzati dal Consorzio di Tutela Roero si sono svolti nella sontuosa cornice del castello di Guarene.

Cifre importanti tra le quali va a distinguersi la presenza di 900 tra professionisti come ristoratori e giornalisti alla kermesse. Dunque, è stata “promossa” la decisione di trasformare l’iniziativa da momento itinerante in giro per l’Italia, a quello di attrattiva tra le colline della Sinistra Tanaro.

«Abbiamo così presentato  riassume Francesco Monchiero, presidente del Consorzio – le nostre cantine e la nostra cultura, paesaggio e tradizione». Tra laboratori, momenti di approfondimento a 360 gradi, contatto diretto con i vigneron, c’è stato anche modo per presentare i “Sentieri MeGa”: i percorsi ambientali tra le menzioni geografiche aggiuntive delle Docg roerine.Si tratta di un valore aggiunto in una terra di vini ma anche di innegabili eccellenze di panorama e di gente.