Rodello: acquedotto in stallo: «La Regione risponda»

552

«Attendiamo la risposta della Regione Piemonte, nel frattempo il Consorzio si limiterà all’ordinaria amministrazione». Così il sindaco di Rodello, Fran­co Aledda, ha aggiornato il Consiglio comunale sulla situazione di stallo che vive l’Acquedotto Benevello, Montelupo Albese e Rodello. Non più conforme alle leggi vigenti, questa struttura di gestione degli impianti che portano l’acqua nelle case dovrà confluire in un altro soggetto più grande. Si era parlato nei mesi scorsi dell’Alse (Alta Langa Servizi), organizzazione mista pubblico-privata che fa capo al gruppo Egea. Ma anche della Sisi (Società intercomunale servizi idrici) che è interamente a capitale pubblico.
Aledda: «Abbiamo già inviato la richiesta di autorizzazione a effettuare questa confluenza all’Ato, l’Autorità d’ambito in materia. Auspichiamo un intervento della Regione per guidare la scelta: per l’Alse, come già ipotizzato da me e dai colleghi degli altri paesi soci, o per la Sisi. L’attuale situazione è di illegittimità conclamata. Auspichiamo un responso scritto da Torino».

R. S.