Dal CuneeseAttualità

Rispetto per le imprese e indennizzi immediati: la richiesta di Cuneo Neve

“Non si contesta il merito della decisione, perché al primo posto viene la tutela della salute, ma il metodo”

È finita prima ancora di aver avuto inizio, la stagione dello sci: dopo lo stop dell’ultima ora, giunto ieri sera, alla vigilia della riapertura, Roberto Gosso, presidente di Cuneo Neve ha convocato una riunione d’urgenza per fare il punto della situazione con le singole stazioni. “Non si contesta il merito della decisione, perché al primo posto viene la tutela della salute, ma il metodo – commenta a caldo Gosso – dopo mesi di attesa, gli impiantisti hanno lavorato un intera settimana per sistemare le piste, sparando neve e assumendo anche personale in vista dell’apertura, molti hanno venduto on line i biglietti e il nuovo alt è, di fatto, una pietra tombale sull’intera stagione”. “Non possiamo accettare supinamente il modo in cui ci è stata comunicata questa decisione. Chiediamo rispetto a nome di un intero comparto che vede i gestori degli impianti all’apice della filiera della neve che già è stata gravemente colpita.”

Altro tema spinoso, quello dei ristori. È stata tempestiva la presa di posizione del Governatore Cirio che per primo ha definito inaccettabile la situazione e ha sollecitato l’intervento del Presidente del Consiglio Draghi, chiedendo rispetto per le imprese e indennizzi immediati e proporzionati alla quantificazione dei danni. “Qualcuno deve assumersi le responsabilità, rimborsare gli investimenti fatti per garantire fino ad oggi piste, impianti e servizi efficienti”.

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button