BRADal Comune

Rifiuti: Bra riciclona otterrà altro sconto Tari solo del 5%

Non solo metaforiche pacche sulle spalle per i braidesi che hanno portato la loro città ai primi posti in Piemonte quanto a raccolta differenziata. Lo ha promesso nell’ultimo Consiglio comunale il sindaco Gianni Fogliato.

«Le cartelle Tari arrivate nelle case nelle scorse settimane evidenziano un calo della tassa rifiuti in media del 5% che va ad aggiungersi al 10% già applicato l’anno scorso ai privati; nel 2020 seguirà un’altra riduzione del 5%» – ha promesso il nuovo primo cittadino. Riassumendo quindi: «In tre anni le tariffe domestiche saranno scese del 20%, quelle delle attività economiche del 10%».

Le performance della differenziata avrebbero fatto sperare in uno sconto maggiore. Infatti, il Comune ha già celebrato il mese scorso il superamento della quota del 90%. Merito del cosiddetto sacco conforme introdotto a febbraio che ha fatto decollare soprattutto il riciclo della plastica, la cui raccolta è passata dalle 62 tonnellate di gennaio alle 98 di maggio; e della frazione compostibile cresciuta da 156 a 211 tonnellate. Alla discarica Bra ha ridotto il suo apporto di oltre il 60%, passando dalle 366 tonnellate di gennaio alle 149 di maggio (nello stesso mese 2018 l’indifferenziato aveva toccato sotto la Zizzola quota 460.230 chilogrammi). La produzione pro-capite è scesa a 68 Kg/abitante/anno nei primi quattro mesi 2019 e ha toccato i 60 Kg/abitante/anno lo scorso maggio (nel 2018 era stata di 176 Kg/abitante/anno).

Risultati di «beneficio non solo per l’ambiente» – li ha definiti Fogliato, ricordando ancora le ricadute economiche dell’impegno dei suoi concittadini. Ottenute, però, con un sistema  «che ha creato problemi a tutti» – ha criticato Annalisa Genta, ex candidato a sindaco e ora leader dell’opposizione di centrodestra. I sacchi che restano ammucchiati per strada fino a tarda mattinata in attesa del passaggio dei netturbini «le­­dono l’immagine di una città turistica» – ha lamentato Genta.E ha invitato inoltre l’Amministrazione a porre «im­­mediato rimedio» al persistente fenomeno delle discariche abusive.Ancor più vergognoso «e che genera costi di cui bisogna tenere conto» – ha concluso Genta.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button