“Resistenze” celebra i giorni della Liberazione

Con l’avvicinarsi del 25 Aprile, festa della Liberazione, si rinnova l’appuntamento col festival “Resistenze”, che il Comune organizza in collaborazione col Centro Studi “Fenoglio” per ricordare il ruolo di Alba durante l’ultimo conflitto mondiale e i principi valsi alla città la medaglia d’oro al valore militare.

Si parte mercoledì 18 aprile alle 21 nel teatro della Moretta con “Islafran, storia di una formazione partigiana”, documen­ta­rio di Maurizio Bongioanni sulla brigata internazionale che ha combattuto nelle Langhe durante la Resistenza.

Si prosegue venerdì 20 alle 15 nel Centro Studi “Fenoglio” di piazza Rossetti con “Geoffrey Kellet Long and his contemporary series of drawings with the partisans. Italy 1944”, mostra dei disegni che il capitano paracadutista alleato Long realizzò durante il tempo passato coi partigiani nel 1944.

Sabato 21 aprile, alle 10 nella biblioteca del Liceo Classico “Govone”, ci sarà la premiazione del “Certame Fenogliano”, cui seguirà la lettura di “Uno scrittore in famiglia”, con Elena Zegna e Gianni Scotta.

La giornata del 25 aprile sarà celebrata a partire dalle 10 con una messa nella chiesa di San Giuseppe, in ricordo dei caduti di tutte le guerre. Contemporaneamente nella tenuta Fontanafredda di Serralunga d’Alba “Passeggiata resistente nel Bosco dei Pensieri”. A Santo Stefano Belbo, frazione Valdivilla, invece si terrà il consueto raduno partigiano per commemorare la II Divisione Langhe. La sera tradizionale passeggiata al pilone votivo dei Canta, a Treiso, con ritrovo alle 19.30, mentre nel teatro della Moretta si svolgerà lo spettacolo “La tana del grande coniglio. Storie di vita nella nostra terra dal 1938 al 1945”, con la compagnia teatrale del Menestrello (ore 20.30).

Chiusura giovedì 26 aprile col convegno “L’educazione al tempo del fascismo”, in municipio ad Alba.