ALBACRONACA

Rapina a un transessuale sulla Alba-Asti: due arresti

Rapina e tentata rapina: sono le accuse che hanno portato all’arresto di Piero Negrisolo, 52 anni, italiano risultato senza fissa dimora, e Sheik Sanneh, 29 anni, immigrato dal Gambia domiciliato ad Alba. Il primo è stato portato in carcere dai Carabinieri di Canelli (At); il suo complice era già in cella ad Alessandria. Sarebbero responsabili di almeno due aggressioni a una prostituta e di una ai danni di un’anziana in una cascina. Altre segnalazioni che gli inquirenti stanno vagliando, potrebbero attribuire a questi stessi malviventi episodi segnalati da una braidese.

La denuncia da cui sono partite le indagini è arrivata nel maggio 2018 da un transessuale che si prostituiva lungo la statale 231 Alba-Asti presso Isola. Il Negrisolo l’avrebbe caricato sulla sua macchina, una Lancia Y, per appartarsi in una stradina dove dal bagagliaio è saltato fuori il giovane africano: botte e minacce per farsi dare i soldi, poco più di 100 euro «perché sono disoccupato, ne ho bisogno» – avrebbe detto l’italiano. Qualche notte dopo i due ci avrebbero riprovato con lo stesso trans. La prostituta si è data alla fuga sulla sua vettura, gli inseguitori l’avrebbero più volte tamponata nel tentativo di farla uscire di strada.

Nell’Albese, invece, il Sanneh avrebbe tentato di rapinare un’anziana, avvicinata con la scusa di acquistare delle uova in un allevamento di polli in campagna. La vittima, sottrattasi grazie alle urla che avevano fatto intervenire alcuni vicini di casa e costretto il rapinatore a scappare, avrebbe riconosciuto il giovane di colore.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button