Qualità dell’aria: «Alba deve fare di più»

«Serve un pannello stradale con l’indicazione in tempo reale dei dati di inquinamento» Tra le richieste rivolte all’Amministrazione cittadina dal consigliere cinque stelle Ivano Martinetti. L’assessore all’Ambiente Massimo Scavino: «Sul sito comunale già attivo collegamento diretto ai dati Arpa»

Il tema dell’aria che si respira ai piedi delle cento torri torna d’attualità grazie a un’interrogazione presentata dal consigliere 5 Stelle Ivano Martinetti, interessato a conoscere lo stato delle polveri sottili e degli inquinanti in città a seguito di un inverno che, su tale fronte, si è dimostrato decisamente critico. «A partire da settembre – spiega Martinetti –, come in tutto il Nord Italia, la qualità dell’aria è peggio­rata. Per quanto riguarda il particolato atmosferico (Pm10) nel 2017 la data del 36° sforamento è caduta il 22 ottobre, contro il 16 dicembre del 2016. I parametri normativi stabiliscono che il limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo non debba essere superato per più di 35 giorni all’anno, requisito non rispettato nel nostro Comune da moltissimi anni».

Obiettivo di Martinetti è convincere l’Amministrazione a condividere coi Cinque Stelle alcune iniziative, tra cui la realizzazione di un pannello luminoso che informi i cittadini in tempo reale sui dati registrati, l’organizzazione di un convegno specifico dedicato ai rischi per la salute connessi alle Pm10 convocando anche l’Arpa, la promozione presso il Governo, con tutte le regioni padane, di un piano per affrontare il problema.

Tutte proposte sulle quali Alba, in un certo senso, già si applica. Questa in sintesi la risposta scritta che l’assessore Massimo Scavino ha inviato al consigliere di minoranza, pur ringraziandolo per l’interesse verso un argomen­to la cui importanza è condivisa anche dall’Amministrazione.

“Dalla fine di ottobre – si spiega nel documento – il Comune di Alba ha adottato le misure antismog stabilite nel nuovo accordo del bacino padano, sottoscritto l’8 giugno a Bologna col ministro dell’Ambiente e i presidenti di Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto. Prendiamo inoltre in considerazione la proposta di un convegno sulla materia mentre è intenzione dell’Amministrazione promuovere a breve una campagna di sensibilizzazione della cittadinanza sulla necessità di comportamenti virtuosi contro l’inquinamento».

Quanto alla necessità di un pannello informativo in tempo reale «sul sito del Comune è presente da anni nella sezione “Ambiente” il link diretto ai dati registrati dalle centraline di qualità dell’aria di  Arpa Piemonte; sulla home page inoltre è presente da ottobre 2017 il semaforo antismog».

Infine Alba aderisce al Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (Paes), documento programmatico che indica come i firmatari del rispetteranno gli obiettivi di riduzione di CO2 prefissati per il 2020.n