Dal CuneeseEconomia & Lavoro

Provincia di Cuneo, è allarme sul caro energia, gas e materiali. A rischio gli equilibri finanziari dell’ente

CUNEO – Riuscire a garantire la manutenzione delle strade provinciali e la gestione degli edifici scolastici, assicurando luce e riscaldamento alle scuole. E’ questo l’obiettivo dell’ordine del giorno approvato all’unanimità dal Consiglio provinciale di lunedì 4 aprile con cui la Provincia chiede a Governo e Regione Piemonte interventi urgenti per calmierare i prezzi delle materie prime, oltre ad istituire fondi compensativi dei maggiori costi, da destinare a Province, enti locali e imprese per aiutarle a proseguire la loro attività a favore del territorio. Il documento, illustrato in aula dal consigliere provinciale Pietro Danna, dovrà ora essere condiviso con tutti i sindaci della Granda e approvato dai Consigli comunali, per poi essere trasmesso al presidente del Consiglio dei Ministri, al Prefetto, al presidente della Giunta regionale e a quello del Consiglio Regionale del Piemonte.

Il caro energia, del gas e dei materiali mette a rischio gli equilibri finanziari della Provincia, chiamata a provvedere ai servizi scolastici, alla gestione dei cantieri e all’ordinaria manutenzione di 3.300 km di strade provinciali. Nel corso degli ultimi mesi si è registrato uno sproporzionato aumento del costo delle materie prime e dell’energia elettrica, aggravato dalla crisi del sistema economico nazionale ed europeo a causa della guerra in Ucraina e delle relative sanzioni economiche imposte alla Russia.

Per essere più precisi l’ordine del giorno ha ricordato che “il Settore Lavori pubblici ha registrato un aumento del costo dell’energia elettrica e del gas per riscaldamento del 100% rispetto a quanto previsto a bilancio, così come è aumentato notevolmente il prezzo del gasolio utilizzato sia dagli impianti di produzione del conglomerato bituminoso per asfaltare, il cui costo rappresenta oltre il 30% del costo della posa in opera, sia dagli autocarri destinati al trasporto del materiale. C’è poi l’aumento del costo del metano che è passato da circa 0,20 a 1,30 euro per metro cubo, passando per un picco di ben 2,38 euro, cioè 6 volte tanto. Il costo del bitume dalle raffinerie è quasi triplicato, passando dai circa 280 euro a tonnellata del 2020 agli attuali 680 euro. Secondo un’analisi dell’Ance per produrre una tonnellata di asfalto servono non meno di 80-100 euro, cioè il doppio rispetto a qualche mese fa. Per quanto riguarda il settore del calcestruzzo l’aumento dei costi delle materie prime di produzione ha fatto registrare un aumento di oltre il 40% del costo del cemento in poco più di tre mesi”.

Il costo delle materie prime nel complesso rischia pertanto di causare il blocco dei cantieri sia pubblici che privati e di conseguenza la difficoltà a garantire l’esecuzione di molti appalti pubblici come, ad esempio, quelli relativi alle strade e alle scuole, a bloccare i progetti finanziati dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e i cantieri privati del Superbonus 110% e del Bonus facciate.

“In questa situazione – sostiene il documento – la Provincia potrebbe incorrere entro la fine del primo semestre 2022 in un grave disequilibrio finanziario, che potrebbe causare l’interruzione della fornitura di energia elettrica e riscaldamento anche per gli edifici scolastici per il prossimo anno scolastico 2022/2023. Le gare di appalto potrebbero andare deserte, così come quelle di molti Comuni, determinando il blocco dei cantieri e di conseguenza la mancanza di aule per ospitare le lezioni degli studenti e la mancata realizzazione delle opere previste nel Piano lavori pubblici. L’ente, come molti Comuni, potrebbe vedersi costretto ad attivare precise manovre di bilancio che andrebbero eventualmente a pregiudicare l’esecuzione dei servizi legati alla attività istituzionali”.

Di qui l’appello al Governo e al Parlamento affinchè adottino provvedimenti finalizzati a contenere il caro energie, luce e gas ed anche il caro carburanti sia nel 3° e 4° trimestre 2021 che nel 1° e 2° trimestre 2022.

Nel corso del dibattito sono intervenuti i consiglieri Simona Giaccardi che ha sottolineato come “la situazione sia veramente grave anche per un territorio come il nostro abituato a lavorare e sopportare” e Flavio Manavella per ribadire come “questo ordine del giorno possa essere utile ad affrontare”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com