ALBAAttualità

Presentato ad Alba il progetto transfrontaliero con il sostegno del Programma Europeo Interreg Alcotra Italia

L’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero insieme a Villa Arson, istituzione amministrativa pubblica del Ministero della Cultura francese dedicata alla creazione contemporanea in sinergia con l’Università della Costa Azzurra, e alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, istituzione con sede a Torino e a Guarene (CN) che da oltre venticinque anni opera a favore dell’arte e della cultura contemporanea ha presentato il progetto “Prospettive / Perspectives” che si realizzerà con il sostegno del Programma Europeo Interreg Alcotra Italia/Francia 2014-2020.

In un percorso di condivisione con la cittadinanza e tutti gli interessati, anche fra i media, i tre promotori del progetto hanno organizzato una presentazione pubblica del Programma Alcotra con la partecipazione straordinaria del climatologo Luca Mercalli presso la sede della Banca d’Alba il 28 ottobre. Alla presenza dei licei albesi e di un pubblico attento si è sottolineato quanto sia fondamentale cambiare prospettiva e costruire un futuro capace di limitare gli effetti del cambiamento climatico di origine antropica.

Il principale obiettivo del progetto è, infatti, quello di costruire e trasferire attenzione e conoscenza sui temi del cambiamento climatico sia con incontri fra cittadini, studenti, esperti e artisti sia attraverso la costruzione di simboli che diventino patrimonio comune. Proprio in questo senso l’arte contemporanea e le opere degli artisti saranno il tassello finale di un lungo percorso che “Prospettive / Perspectives” si propone di disseminare sui territori fra Piemonte e Costa Azzurra.

Promuovere la tutela e la fruizione consapevole del territorio nel rispetto del paesaggio, della biodiversità, dell’ambiente nel suo complesso e della cultura è il motore del progetto, proprio in territori come Langhe-Roero e Monferrato – inseriti nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco – e la Costa Azzurra per preservare e valorizzare l’ambiente oltre che responsabilizzare chi lo abita, lo scopre e lo vive, anche occasionalmente.
Le colline di Langhe Monferrato Roero così come la riviera francese sono meta di un turismo internazionale che ha la volontà di scoprire il “bello” e il “buono”. Sono terre che, oltre ad essere conosciute per un eccellente patrimonio enogastronomico e di bellezze naturali, sanno raccontare storie, tradizioni e arricchire ogni soggiorno attraverso esperienze culturali e di benessere. La scelta di migliorare il paesaggio attraverso la scelta di importanti opere d’arte contemporanea create appositamente per i luoghi scelti non può che ampliare l’offerta dei borghi del territorio.

La dimensione transfrontaliera si addice particolarmente ai tre partner accomunati dall’essere Enti o istituzioni del territorio operanti nella culturae nel turismo con particolare attenzione ai nuovi scenari e alle opportunità future. Il partenariato di “Prospettive / Perspectives” condivide il valore del paesaggio e la sfida legata ai cambiamenti climatici, valorizza l’arte contemporanea come strumento di dialogo e sensibilizzazione trasversale considerandola quale strumento accessibile, gratuito e capace di uscire dai luoghi tradizionali per intercettare pubblici eterogenei.
Tutti i partner si occupano di acquisire nuove conoscenze, consapevolezze e potenzialità che derivano da un processo di contaminazione tra diverse zone geografiche, competenze professionali ed esperienziali. Ogni attore di questo progetto porterà infatti una “prospettiva” diversa allo sviluppo dello stesso.

Alla base del progetto c’è la volontà dei partner e dei territori sui quali operano di contribuire agli obiettivi per uno sviluppo sostenibile ponendo l’attenzione sugli impatti del cambiamento climatico, sul rapporto tra uomo e natura e sugli approcci virtuosi. “Prospettive / Perspectives” intende stimolare consapevolezza e responsabilità rispetto al tema del climate changeattraverso l’arte. Per raggiungere questo obiettivo la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo – portando avanti il suo ruolo di indagine e sostegno tra le tendenze artistiche e i linguaggi culturali del presente – ha individuato un curatore internazionale, Tom Eccles, che in accordo con gli altri partner ha selezionato due luoghi e due artisti che interverranno con opere site-specificnel territorio delle Langhe entro il mese di marzo 2023.

Nella terra di confine con la zona del Barbaresco si trova Neviglie che, in un punto panoramico dalla vista mozzafiato, ospiterà l’opera dello scultore francese Jean-Marie Appriou.
L’artista, nato nel 1986 a Brest, scolpisce opere plastiche di contenuto naturalistico allontanandosi da una comune rappresentazione artistica della natura. Le sue opere sono state esposte, tra i vari luoghi, alla Fondation Louis Vuitton (Parigi), al Palais de Tokyo (Parigi) e a Central Park (New York). Jean Marrie Appriou lavora con la scultura vari materiali quali alluminio, bronzo, cera, vetro e argilla. La sua ricerca si incentra sulla creazione di un universo onirico, popolato da personaggi che si pongono a metà tra la natura e il mito. Le sue opere traggono spesso ispirazione dalla storia dei luoghi nei quali esse sono destinate ad essere poste e sono frutto di un lavoro sugli archetipi, che tuttavia vengono manipolati e rimaneggiati, per risultare carichi di simbolismi. Uno dei temi centrali nella pratica artistica di Appriou è la transizione tra elementi naturali (acqua, aria, terra e fuoco), che riprende la tradizionale attenzione dell’alchimia ai cosiddetti passaggi di stato, e ai processi di trasformazione come avvenuto nel recente intervento dell’artista in Italia a Villa Medici di Firenze.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button