LANGA DEL BORMIDACortemiliaLANGHEAttualità
In primo piano

Presentata questa sera ad Alba l’edizione 2021 della Fiera nazionale della nocciola di Cortemilia

Si svilupperà su tre filoni, la cultura, le nocciole e l’enogastronomia, l’edizione 2021 della Fiera nazionale della nocciola che si terrà dal 20 al 29 agosto a Cortemilia (Cuneo). La rassegna, presentata oggi ad Alba, nell’ambito degli appuntamenti di Alba capitale della cultura d’impresa guidati dalla Confindustria di Cuneo, avrà un prologo il 31 luglio con l’esposizione nelle vie della città delle opere di una ventina di artisti.

Chiusura il 29 agosto con una star, il pianista Giovanni Allevi. “La nostra manifestazione – spiega il sindaco Roberto Bodrito – era già importante oltre 60 anni fa, quando è nata, dal 2020 è stata riconosciuta di livello nazionale, purtroppo in un anno sfortunato, la riproponiamo quest’estate dedicandola in particolare a tutti coloro che si sono prodigati per la campagna vaccinale a Cortemilia’.

    L’obiettivo – sottolinea Marco Zunino, consigliere con delega a Turismo e Manifestazioni del Comune di Cortemilia – sarà quello di poter offrire ai turisti quella sicurezza e quella tranquillità che ultimamente sono venute a mancare, potendo usufruire di ampi spazi aperti, allestendo passeggiate sui sentieri alla riscoperta dei territori dell’Alta Langa, il tutto con la preziosa collaborazione di tante associazioni attive sul territorio”.
La Nocciola Igp Piemonte è la punta di diamante di un comparto che ha raggiunto – ricorda Giacomo Ballauri, presidente della Fondazione Agrion – in 23 mila ettari in Piemonte e che deve continuare a seguire la strada della sostenibilità, le caratteristiche di un prodotto e di un territorio salubri, garantendo allo stesso tempo il giusto reddito ai produttori.
La Fiera nazionale di Cortemilia – afferma Mauro Gola, presidente di Confindustria – “é un evento diventato negli ultimi anni sempre più importante a degna rappresentanza di un comparto di grande valore che, dopo essersi impreziosito con l’IGP Nocciola Piemonte, si è organizzato sempre meglio, arrivando a costruire un’intera filiera produttiva come poche altre zone d’Italia possono vantare con lo sviluppo di molte aziende specializzate in ogni singola fase”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button