ALBAAttualità
In primo piano

Ponte sul Tanaro, 5° progetto d’Italia: anche Alba nella classifica nazionale degli investimenti sulla viabilità

ALBA – Importante passo avanti nel lungo cammino per dotare la città di un terzo ponte sul Tanaro. L’ambizioso progetto è infatti risultato alla quinta posizione nella classifica nazionale della selezione dei progetti riguardanti gli investimenti sulla viabilità, nell’ambito del protocollo d’intesa Upi-Cassa depositi e prestiti. Grazie al ponte sul Tanaro ad Alba, infatti, la Provincia risulta tra le prime dieci in Italia e ottiene- per la realizzazione dell’opera – il supporto tecnico-amministrativo del­la Cassa depositi e prestiti. Ad annunciare la notizia è stata una lettera del direttore dell’Unione Province d’Italia, Piero Antonelli. Nella classifica italiana, Cuneo è stata preceduta soltanto dalle Province di Cremona, Brescia, Verona e Pisa.

Soddisfatto per l’annuncio il presidente della Provincia, Federico Borgna: «Da sempre sappiamo che il terzo ponte di Alba, per il quale Provincia e Comune hanno firmato a maggio la convenzione per progettazione e realizzazione, è un’opera strategica. Si tratta, tuttavia, di un intervento molto oneroso e, pur impegnando risorse importanti, occorrerà cercare ulteriori fondi. Il bando della Cassa depositi e prestiti era utile alle Province per la consulenza nei co-finanziamenti.

Siamo orgogliosi di essere fra i primi progetti per qualità, sia come progettazione, sia per l’impatto positivo socio-economico che avranno sulle comunità». Al momento, dunque, c’è la garanzia di ricevere assistenza e affiancamento dalla Cassa Depositi e Prestiti, ma rimane il problema di trovare i fondi necessari rimanenti. Resta comunque positivo il pensiero del sindaco di Alba, Carlo Bo: «Quello ricevuto, è un riconoscimento significativo per l’intera Provincia Granda, a conferma dell’importanza dell’opera non solo per la nostra città, ma per tutto il Cuneese. Nel frattempo continuiamo a lavorare su più fronti per recuperare le risorse, puntando soprattutto sul Recovery Fund, grazie alla collaborazione con Provincia e Regione. A breve avremo una progettazione più puntuale che ci permetterà di aggiornare i costi finali dell’opera, il cui studio di fattibilità, ormai datato, indica un importo totale di 28 milioni di euro».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button