BRAAttualità

“Polenta e salciccia”: gli alpini di Bra invitano a Chiusa Pesio

Riceviamo

e volentieri pubblichiamo.

E’ l’appuntamento estivo più atteso fra quelli organizzati dal Gruppo Alpini di Bra. “Polenta e salciccia”, servite in montagna al desco delle penne nere, ha sempre fatto registrare la partecipazione di tantissime persone: quest’anno è in programma domenica 21 luglio nella tradizionale area verde di Chiusa Pesio.

Dalla prima mattina di domenica le penne nere braidesi saranno nella località montana per allestire l’area di ristoro e, insieme alle cuoche, inizieranno a preparare la polenta nei grandi paioli, rigorosamente a cottura lenta, che poi verrà servita insieme alla rinomata salciccia di Bra.

Coordinato dal capogruppo Antonino Ciancia, anche quest’anno a predisporre l’iniziativa è stato il Consiglio direttivo delle penne nere braidesi.

«Siamo riconoscenti all’Amministrazione comunale di Chiusa Pesio per l’ospitalità che ci concede, dandoci la possibilità di organizzare l’iniziativa» – ha precisato il capogruppo Ciancia. «All’appuntamento partecipano ogni anno grandi e piccoli che dimostrano il forte attaccamento a questa manifestazione: a tutti garantiamo l’incantevole scenario della montagna di Chiusa Pesio che accoglie i partecipanti insieme ai simboli della tradizione alpina: festa, allegria e condivisione insieme a un bel piatto di polenta accompagnata dalla rinomata salciccia di Bra».

I partecipanti devono essere muniti di tavoli idonei e del necessario per il pic-nic, con teglie per ricevere la razione di polenta e salsiccia. Le prenotazioni verranno raccolte il giovedì sera alla sede del Gruppo Ana di Bra, via degli Alpini, oppure all’indirizzo di posta elettronica bra.cuneo@ana.it , o ancora telefonando al 337/24.31.72 (capogruppo), al 0172/45.72.25 (vicecapogruppo), al 320/18.436.00 (vicecapogruppo) o al 339/29.06.535 (consigliere direttivo Ana), o anche la domenica stessa dell’evento prenotandosi sul posto.

Ad allietare la giornata ci saranno per i più piccoli i giochi gonfiabili con cui divertirsi con la supervisione dei genitori, e la magica arte del Mago “K”, al secolo l’alpino Tino Genta, insuperabile maestro dell’intrattenimento con i giochi di magia.

«Per il secondo anno di seguito avremo don Mauro Molineris a officiare la santa messa, siamo riconoscenti a questo parroco che assicura una presenza religiosa molto gradita alla nostra iniziativa» – ha sottolineato il capogruppo Ciancia. «Ricorderemo durante la funzione i nostri caduti, nella contestualità del centenario dalla fondazione dell’Associazione Nazionale Alpini”.

Ana Bra

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button