ALBAAttualità
In primo piano

“Più di mezz’ora da Mussotto ad Alba”: le proteste del quartiere sulla viabilità e la richiesta di nuovi autovelox

ALBA – Il sindaco di Alba Bo, il governatore del Piemonte Cirio, il presidente della provincia Borgna, il prefetto provinciale Triolo e il Comando dei Carabinieri di Alba. E’ piuttosto lunga la lista dei destinatari della lettera inviata dal Comitato del Quartiere Mussotto. Una missiva per fare il punto sui tanti problemi della frazione legati alla viabilità e sollecitare interventi finalmente risolutivi. Come scrive il presidente del Comitato di Quartiere, Giovanni Lano: “Per percorrere i tre chilometri che ci separano dal centro di Alba impieghiamo, in alcune fasce orarie, fino a 30 minuti. In altri momenti della giornata e della notte riscontriamo elevate velocità di percorrenza di auto e moto.

Il sabato e la domenica rileviamo un transito di centinaia di moto. Alcuni motociclisti hanno una guida prudente ma la maggior parte si diverte sulle strade del Roero prima e in Langa poi come se fossero in una pista dedicata alle corse”. E ce n’è anche per quanto riguarda la situazione del manto stradale: “Una parte di corso Canale – scrivono i residenti – versa in uno stato pietoso, per non parlare della superstrada che da Alba porta a Barolo e altri comuni, molto frequentata dai turisti e che in alcuni tratti non è certo un bel biglietto da visita, per un territorio che punta e punterà sempre di più su un turismo enogastronomico”.

E ancora: “Abbiamo bisogno di una presenza costante delle forze dell’ordine per garantire il rispetto dei limiti di velocità, e dell’installazione, sia in corso Canale che in corso Bra, di almeno un rilevatore di velocità fisso. Alla prevista richiesta di una statistica degli incidenti e della loro gravità, vi rispondiamo che questi rilevatori devono servire proprio per evitare gli incidenti. E comunque, diciamo chiaro che la rilevazione degli stessi è falsata dal fatto che per motivi contingenti vari, se non ci sono feriti gravi o problemi di viabilità importanti, gli incidenti non vengono rilevati dalle autorità di pubblica sicurezza”. Ultima stoccata sull’asfaltatura di un tratto di corso Canale, a partire dalla rotonda del Rondò: “Vi chiediamo di programmare tale opera con la massima priorità.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button