dal PiemonteAttualità

Piemonte Innovazione compie 6 anni e diventa un premio nazionale

Il Premio Piemonte Innovazione e Sviluppo Next Generation giunge alla sesta edizione. L’iniziativa, realizzata da ANCI Piemonte con la collaborazione di ANFOV, l’Associazione che riunisce i soggetti imprenditoriali ed istituzionali coinvolti nel settore della convergenza dell’innovazione tecnologica nelle comunicazioni, rappresenta nel suo genere un’esperienza originale ed esclusiva a livello nazionale.

Promosso dalla Consulta Innovazione di ANCI Piemonte, in piena sintonia con il programma Next Generation UE e con il PNRR, Piemonte Innovazione premia le buone pratiche e i progetti innovativi della PA locale volti al miglioramento della qualità dei servizi pubblici nei settori di intervento previsti dalla Commissione Europea: dalla transizione verde alla trasformazione digitale, dall’occupazione allo sviluppo sostenibile, passando per i temi dell’inclusione, della coesione sociale e territoriale, delle politiche giovanili.

Grazie agli importanti risultati raggiunti nel 2021 (95 progetti candidati e 178 comuni coinvolti in Piemonte) anche quest’anno il Premio è affidato alla collaborazione di ANFoV, chiamata a consolidare il radicamento territoriale dell’iniziativa e a concretizzarne la crescita a livello nazionale. L’edizione 2022 vuole, infatti, segnare una svolta importante attraverso l’introduzione di una sezione nazionale del Premio aperta a tutti i 7.904 comuni italiani. A tal fine, elementi determinanti di questo nuovo corso sono il patrocinio e la collaborazione strategica e operativa con ANCI Nazionale.

Il Premio 2022 è suddiviso in due sezioni ed è articolato in due fasi distinte:

  • sezione regionale: possono partecipare al Premio tutti i Comuni piemontesi iscritti all’ANCI e gli Enti pubblici sotto riportati (*). Ciascun ente può presentare un solo progetto.
  • sezione nazionale dedicata a tutti i Comuni iscritti all’ANCI e agli Enti pubblici sotto riportati (*) delle regioni del Nord-Ovest (Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia); del Nord-Est (Alto Adige, Trentino, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna); del Centro (Toscana, Umbria, Marche, Lazio); del Sud e Isole (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna). Ciascun ente può presentare un solo progetto.

(*) Enti pubblici abilitati a partecipare:

  • Comuni iscritti all’ANCI
  • Unioni di Comuni e Comunità Montane
  • Enti locali pubblici con finalità di Promozione Culturale e Sportiva
  • Asl e aziende ospedaliere
  • Enti gestori della Funzione Socio-Assistenziale

Per l’accesso alla Fase 1 della selezione, dedicata alle candidature, le domande dovranno pervenire entro e non oltre il 31 luglio 2022. Per partecipare occorre compilare il Modulo di candidatura presente nella pagina web del Premio.

Saranno ammessi alla Fase 2 soltanto i progetti pervenuti entro la scadenza della Fase 1 e che avranno superato una prima selezione da parte della Commissione esaminatrice e selezionatrice, composta da esperti in materia di innovazione e comunicazione. I progettiche avranno superato positivamente la Fase 1 saranno invitati ad accedere alla Fase 2 edovranno inviare la documentazione di dettaglio (vd. bando) entro e non oltre il 15 ottobre 2022 tramite il link predisposto dall’organizzazione del Premio.

Accanto al montepremi complessivo di 20 mila euro messo a disposizione da ANCI Piemonte per il territorio regionale di competenza (10 mila euro al primo classificato, 6.500 e 3.500 euro rispettivamente al secondo e al terzo progetto) è previsto un premio nazionale di 10 mila euro per il vincitore della sezione nazionale.

 

Soddisfatto Michele Pianetta, vicepresidente di ANCI Piemonte con delega all’Innovazione e alle Smart Cities e vicesindaco di Villanova Mondovì, in provincia di Cuneo, che dichiara: “Con la nuova sezione nazionale il Premio mira a creare una concreta opportunità di confronto sull’attuazione del PNRR e, al tempo stesso, intende promuovere progetti di rinnovamento nei servizi pubblici che vedano protagoniste le amministrazioni locali. Da anni, sul tavolo delle discussioni vi sono questioni irrisolte come il superamento del digital divide e la semplificazione amministrativa: affinché tutto cambi occorre innovare e per farlo servono modelli efficaci e facilmente replicabili, possibilmente in un contesto chiaro dal punto di visto normativo. Le importanti novità del Premio sono l’evidenza più concreta del desiderio di orientarsi verso un futuro più efficiente e sostenibile. Ancora una volta, l’ANCI si propone quindi come motore di progresso e di fiducia”.

“Un passo fondamentale per la solida crescita dell’iniziativa – dichiara infine Antonello Angeleri, segretario generale dell’ANFoV – è una maggiore focalizzazione sullo sviluppo delle attività di formazione, comunicazione e di relazioni pubbliche. Per questo motivo ANCI Piemonte, alla luce dei risultati di successo della scorsa edizione e per fronteggiare al meglio l’allargamento a tutto il territorio nazionale del Premio Innovazione e Sviluppo Next Generation EU, ha deciso di affidarsi nuovamente alle competenze consulenziali strategiche e organizzative e alla rete di relazioni dell’Associazione per la Convergenza nei Servizi di Comunicazione, che arricchirà il progetto con consolidate competenze formative e di network in tema di supporto all’innovazione e alla digitalizzazione per le Amministrazioni Pubbliche, le cittadinanze e il mondo produttivo territoriale. La nuova organizzazione di analisi e selezione delle candidature, per filtri e approfondimenti successivi, e la focalizzazione funzionale sulle direttive del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza favoriranno nuove efficienze e forme di collaborazione a favore della modernizzazione e dell’innovazione organizzativa della PA, del suo capitale umano e del lavoro agile, per una PA sempre più semplice, connessa e orientata agli obiettivi del Paese”.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button