ALBAAttualità

Perché visitare la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba

Tra gli ingredienti più pregiati e ricercati in Italia, il tartufo bianco è uno dei prodotti commestibili più costosi al mondo. Alba, pittoresca cittadina del Piemonte nord-occidentale, ospita la prestigiosa Fiera Internazionale del Tartufo Bianco che attira migliaia di buongustai e gastroturisti da tutto il mondo ogni anno.

Questi gustosi tuberi sono celebrati in questo evento annuale, che si tiene ogni fine settimana in ottobre e novembre. Se siete amanti dell’inconfondibile aroma e del gusto unico del tartufo bianco, la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba è l’occasione ideale per acquistare il pregiatissimo prodotto direttamente dai tartufai, dai commercianti e dalle aziende locali, insieme a molte altre specialità locali e regionali, tra cui il tartufo nero, formaggi, nocciole, cioccolatini, grappe e deliziosi vini locali.

Ecco una guida su cosa fare durante la stagione del tartufo di Alba.

Quando e dove

La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba si tiene ogni anno da prima della seconda guerra mondiale. Quest’anno, nei sabati e nelle domeniche di ottobre e novembre Alba ospita la nuova edizione della prestigiosa fiera.

Il Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba si svolge nel Cortile della Maddalena, storica piazza nel centro storico, dove è possibile vedere, toccare, annusare e acquistare il tartufo bianco e altre specialità regionali. L’atmosfera di festa si respira in tutta la città e nei territori circostanti.

Sono stati allestiti:

  • cortei storici;
  • concerti e spettacoli dal vivo;
  • eventi;
  • degustazioni enogastronomiche;
  • workshop;
  • mostre;
  • corsi e dimostrazioni di cucina;
  • cene preparate da chef italiani e internazionali in location insolite;
  • mercati;
  • laboratori e giochi per i bambini e le loro famiglie;
  • corse di asini e rievocazioni medievali.

Spesso soprannominata la capitale mondiale del tartufo bianco, Alba è un gioiello medievale con ottimi punti di ristoro. Sia che venga utilizzato per infondere mieli e oli profumati al tartufo, sia che venga grattugiato su tajarin, pasta o risotto o che incoroni agnolotti ripieni di carne, in questo periodo dell’anno è quasi impossibile trovare un ristorante o una trattoria locale che non abbia un menu speciale a base di tartufo. Il tema gastronomico è molto in voga anche nel settore del gaming e dei giochi online. Per esempio, sul portale netbet.it è possibile giocare con Fruit Shop, Fruit Party e Sweet Bonanza. Alba e i suoi dintorni hanno un’altissima concentrazione di ristoranti stellati Michelin.

La viticoltura riveste un ruolo di grande rilievo in Piemonte, che si trova ai primi posti a livello nazionale ed internazionale per la produzione di pregiati vini DOC. Terra storicamente votata alla qualità, quest’area del Piemonte rappresenta altresì una delle più famose regioni vitivinicole del panorama nazionale, con coltivazioni che si estendono principalmente in territori collinari, dalle caratteristiche climatiche e morfologiche che li rendono adatti alla viticoltura.

Perché il tartufo bianco è così speciale

 

Il tartufo bianco è sempre più raro a causa delle mutate condizioni climatiche. A differenza del tartufo nero, che può essere coltivato, il tartufo bianco deve essere raccolto in aree boschive e di solito viene trovato sottoterra vicino alle radici degli alberi da cani appositamente addestrati. Per prosperare, il tartufo ha bisogno sia della pioggia che del freddo. Se il clima è troppo secco, con ondate di calore e siccità, non può crescere. Più piccola è la produzione, più i prezzi salgono.

I tartufi sono disponibili tutto l’anno, mentre il tartufo bianco è disponibile solo in autunno. Gli agricoltori non hanno ancora trovato un modo per coltivare queste pregiatissime gemme nodose.

Dove alloggiare

È difficile immaginare un modo migliore per trascorrere un fine settimana di fine autunno che viaggiare tra le colline delle famose Langhe del Nord Italia. Si consiglia di prenotare con largo anticipo l’alloggio e le escursioni alla ricerca di tartufi.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button