Dal CuneeseSanità

On. Gribaudo: “Su salute mentale il Piemonte non stia a guardare”

La pandemia da Covid-19 e le sue conseguenze come lockdown, perdita di lavoro e incertezze sul futuro hanno impattato la salute mentale di molte persone. Tra i più colpiti ci sono i giovani. I dati piuttosto allarmanti ci dicono che tra gli adolescenti il 25,2% presenta disturbi di depressione e il 20,5% soffre d’ansia. Trovare sostegno per queste forme di sofferenza non è sempre facile, specie in questa fase di forte pressione sul sistema sanitario, rendendo inevitabile rivolgersi a professionisti privati. Tuttavia, l’accesso alle cure per alcuni purtroppo è un lusso, secondo l’ordine degli psicologi il 21% dei pazienti ha interrotto un trattamento terapeutico per problemi economici, mentre un altro 27,5% ne avrebbe bisogno ma non può permetterselo.

“Abbiamo provato – dice la deputata PD Chiara Gribaudo – a forzare il dibattito sul milleproroghe perché nell’emergenza attuale ogni strumento possibile va veicolato per aiutare le persone più fragili. In tal senso spiace vedere che la regione Piemonte e in modo particolare l’Assessore Icardi abbiano usato questo dibattito solo per fare sterile polemica politicista. Ma l’emergenza rimane e alcune regioni stanno adottando provvedimenti. Nel Lazio è stata differenziata la proposta, così si sta attrezzando la Lombardia, il Piemonte cosa sta facendo a parte scaricare responsabilità sul Governo? Peraltro ora grazie all’intervento del PD – prosegue la deputata -, oggi dovrebbe essere approvato, come ha detto già ieri il Ministro Speranza, l’emendamento articolato  a firma di Filippo Sensi che contemplerà un aumento di risorse di 20 milioni da parte del Governo su salute mentale territoriale e formule modello bonus”.

“Colpisce e amareggia la rigidità, tutta partitica, della giunta Cirio che di fronte ad una richiesta sentitissima di maggior sostegno psicologico, non sembra minimamente interessata ad ascoltare. Ma noi continueremo invece a richiederlo. Per questo giovedì alle ore 21 faremo una agorà dal titolo ‘LA SALUTE È MENTALE: dal bonus psicologico allo psicologo di base, proposte alla Regione Piemonte’ nella quale interverranno professionisti, medici, mondo della scuola per discutere come proseguire questa battaglia culturale nei confronti di una Regione sorda all’argomento per ora, consapevoli che dopo queste risorse il Piemonte dovrà velocemente cambiare passo. All’Agorà parteciperà il consigliere regionale Daniele Valle, promotore della legge sullo psicologo di base. Noi, – conclude Gribaudo -, vogliamo essere costruttivi perché per uscire dagli effetti sociali, psicologici ed economici dalla pandemia, serve ascolto e capacità di dare nuove soluzioni di fronte alla crisi. Mi auguro dunque che la Regione Piemonte batta un colpo presto, raccogliendo questa richiesta di puro buonsenso.”

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button