dal PiemonteAttualità

Natale: in arrivo i primi 20 mila kg. di cibo 100% made in Italy per le famiglie bisognose piemontesi

Negli ultimi giorni donati 500 Kg di cibo grazie alla Spesa Sospesa nei mercati Campagna Amica in Piemonte

E’ partita, infatti, a livello nazionale una distribuzione di circa mezzo milione di chili di cibi e bevande gourmet per i nuovi poveri nelle festività natalizie per offrire a tutti la possibilità di mettere in tavola i migliori prodotti agroalimentari Made in Italy e passare delle feste più serene. L’iniziativa, promossa da Coldiretti, Campagna Amica e Filiera Italia con la partecipazione delle più rilevanti realtà economiche e sociali del Paese, è stata presentata insieme al Ministro della Salute Roberto Speranza con la partenza del primo carico di aiuti alimentari dal cortile di Palazzo Rospigliosi, sede della Coldiretti.

L’obiettivo è dare la possibilità anche ai più poveri di gustare il meglio della gastronomia nazionale per ricordare che insieme all’emergenza sanitaria bisogna combattere quella economica ed occupazionale – spiegano Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale -. Per questo nei prossimi giorni in distribuiremo i primi circa 20 mila kg di cibo in tutta la Regione. Un aiuto concreto che Coldiretti con Campagna Amica vuole dare sul territorio e a livello nazionale poiché sono oltre 4,8 milioni i poveri in Italia che per le feste di Natale sono costretti a chiedere aiuto per il cibo da mangiare nelle mense o con la distribuzione di pacchi alimentari a causa della crisi economica legata al Covid. In Piemonte non è l’unica azione di solidarietà messa in atto poiché è ripartita nei mercati di Campagna Amica la spesa sospesa e abbiamo già consegnato 500 Kg negli ultimi giorni di cibo fresco Made in Piemonte,  in particolare frutta e verdura. Il nostro impegno quotidiano è il segno concreto della solidarietà della filiera agroalimentare italiana verso le fasce più deboli della popolazione più colpite dalle difficoltà economiche – continuano Moncalvo e Rivarossa -. Di fronte a una situazione sociale così pesante che non si vedeva dal dopoguerra stiamo realizzando uno sforzo corale che dimostra la capacità dell’Italia di unirsi e mobilitare risorse per uscire insieme dalla crisi, nella consapevolezza di essere una comunità nazionale che ha potenzialità e capacità a tutti i livelli per far ripartire il Paese”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button