Multe, il Comune di Alba affida la riscossione a una ditta privata

0
69

ALBA – In questo inizio anno, per l’Amministrazione comunale si pone un problema annoso, che accomuna un po’ tutti i comuni italiani. Stiamo parlando della riscossione delle multe. L’ultimo dato disponibile (quello del 2022) parla di una percentuale di riscossioni pari al 57%. Se consideriamo che, mediamente, vengono compilate contravvenzioni per una cifra prossima ai 2 milioni di euro, capirete che di questi poco meno di 900mila, devono essere “inseguiti” tramite un procedimento di recupero crediti. Proprio per questo motivo è stato deciso di affidare questo fastidioso compito ad una ditta privata.

 

Il suo compito è quello di rintracciare i “morosi”, inviare loro solleciti, che saranno dapprima bonari e via via più pressanti. È di questi giorni una determina del Comando di Polizia Municipale, con la quale è stata affidata alla società MT Spa di Santarcangelo di Romagna l’attività di riscossione coattiva delle sanzioni accertate negli anni 2011-2012-2013-2014-2015 e 2016, in violazione del Codice della strada. La suddetta ditta è ormai da qualche anno incaricata a svolgere questo servizio e il nuovo mandato scadrà a dicembre 2026. Quando sarà speso per il 2024?

A bilancio sono stati inseriti 19.640 euro lordi, che sono nulla se si pensa a quanto potrebbe ammontare l’incasso in caso di successo nelle riscossioni. D’altra parte il totale dei crediti inesigibili messo a bilancio (che comprendono anche tasse e imposte) supera la soglia dei 10 milioni di euro e la scelta di provare ad incassare, prima di rottamare le cartelle è totalmente condivisibile e apprezzata dai contribuenti che pagano puntualmente quanto dovuto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui