More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Mostra di Lauro Alessio a palazzo Salmatoris a Cherasco

    spot_imgspot_img

    CHERASCO

    – «Posso affermare che il mio lavoro è un gesto inaugurale innovativo, fuori dai consolidati schemi estetici visuali. L’inizio della decostruzione nel mio lavoro prende avvio sin dal 1971 con interventi sulla pellicola fotografica, vive nella continuità operativa, realizza uno stato nascente ed attivo nell’immagine architettonica indagata, un prima che nasce dal dopo, nelle sue possibili articolazioni espressive», così descrive la sua pittura Lauro Lessio, che propone un’antologica delle sue opere dal 1968 al 2022 nelle prestigiose sale di Palazzo Salmatoris a Cherasco.

     

    Nato a Cavarzere (VE) il 6 settembre 1942, Lessio trascorre l’infanzia nel Veneto fino ai 17 anni, tranne una breve parentesi di 6 mesi vissuti in Liguria nei primi anni ’50. Dopo aver frequentato l’Istituto tecnico di Adria nel ’59 si trasferisce a Torino.

    I suoi primi lavori risalgono agli inizi degli anni Sessanta; nel ‘68 si reca a Parigi dove, attraverso la visita dei musei, entra in contatto con le opere dei maggiori artisti del ‘900.

    Dopo una prima fase di credo naturalistico, approda ad interessi plastico-formali, con la conoscenza della teoria gestaltica. Fin dall’inizio degli anni ‘70 il suo interesse artistico è rivolto all’architettura moderna che analizza indagandola attraverso un lavoro di decostruzione dell’immagine. Questa operazione si allarga successivamente al territorio. Nei primi anni Duemila concentra l’analisi sugli impianti sportivi e le opere realizzate in occasione delle Olimpiadi di Torino 2006, dando vita ad un nuovo ciclo tematico, fluttuante e aperto (GDPA – Glocal Decostructive Painting Architectonic).

    Successivamente il lavoro si è ampliato con interventi sul nuovo skyline milanese e su quello di Rotterdam. Sul finire del 2011 aderisce al gruppo Astracturisti, promosso dallo storico Prof. Rosario Pinto. Il 12 dicembre 2015 a Gaeta (LT) è tra i fondatori del movimento “Linearismo Cromatico”.

    Vive e opera a Torino e Bene Vagienna (CN).

    L’elenco completo delle mostre e delle opere si trova sul sito www.laurolessio.it

    L’inaugurazione della mostra si terrà sabato 22 aprile alle ore 16.00 in Palazzo Salmatoris.

     

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio