Il Monviso scenario del concerto di Ferragosto

A Ferragosto le note di Stolz, Rossini, Tchaikovsky, Bizet e Bernstein interpretate dall’orchestra Bruni di Cuneo, risuoneranno tra valli e montagne ai piedi del Monviso a circa 2000 metri sul livello del mare, per un pubblico di escursionisti, ciclisti e appassionati delle alture e della musica classica, nonchè nelle case degli italiani, grazie alla diretta su Rai 3 a partire dalle 12.55. Sono gli ingredienti del tradizionale concerto di Ferragosto, in programma in Valle Po, nel Comune di Paesana e in località Pian Munè, sulle alture di Pian Croesio.

A sostenere l’evento la Regione Piemonte, la Provincia di Cuneo, la Fondazione Cassa di risparmio di Cuneo, la Camera di commercio di Cuneo ed Atl del Cuneese, insieme agli organizzatori Parco del Monviso, Unione montana dei Comuni del Monviso e Comune di Paesana.

“Uno straordinario veicolo, grazie alla diretta Rai, di promozione turistica delle nostre montagne, nato da una intuizione geniale del violinista Bruno Pignata che portò la prima edizione sul rifugio Quintino Sella”, commenta l’assessore allo Sviluppo della Montagna della Regione Piemonte, Alberto Valmaggia. Un concerto che si svolge nel ricordo del giornalista Rai Gianfranco Bianco, fra i promotori dell’iniziativa. L’evento è molto seguito e sempre in crescita: l’anno scorso, secondo i dati riportati dal caporedattore centrale Rai Tarcisio Mazzeo, l’ascolto medio ha superato quota 600mila e sfiorato il milione e mezzo di contatti. Quest’anno la durata della trasmissione salirà da 60 a 75 minuti. La diretta sarà realizzata con sei telecamere e l’assistenza di un braccio meccanico, un drone e due camere mobili per le esigenze dei telegiornali. Venticinque le persone impegnate del centro di produzione Rai di Torino. A condurre la diretta saranno Francesco Marino e Chiara Pottini.

Per la trentottesima edizione del concerto l’orchestra città di Cuneo Bartolomeo Bruni si esibirà ai piedi del Re di Pietra con 61 elementi e proporrà una selezione di brani di grande presa sul pubblico. Si aprirà con la Marcia dell’Onu di Robert Stolz, scelta come sigla in riferimento al riconoscimento Unesco del sito del Monviso, per poi seguire con l’Ouverture da “La gazza ladra”, in omaggio a Gioacchino Rossini a 150 anni dalla morte. Dolci melodie napoletane sono alla base del “capriccio italiano” op. 45 di Piotr Tchaikovsky, mentre la “marcia slava”op. 31 del compositore russo ha un andamento “eroico”. A concludere il concerto, una selezione di temi e danze tratte dal musical di Leonard Bernstein “West side story”.

L’evento si svolgerà all’insegna della sostenibilità, con diversi “ecopunti” dislocati lungo il perimetro e presidiati da volontari e migranti che risiedono a Paesana, e che saranno a disposizione del pubblico per informazioni sulla gestione dei rifiuti. Tutte le stoviglie distribuite saranno compostabili.

Martedì 14 agosto si svolgeranno le prove a partire dalle 14. Mercoledì 15 agosto tutto il traffico degli automezzi e delle bici sarà bloccato a Paesana capoluogo, dove saranno allestiti parcheggi gratuiti. Da Paesana a Pian Munè il collegamento sarà garantito con 35 bus navette. Gli accessi alla zona del concerto saranno possibili anche dalla Valle Varaita attraverso il colle di Gilba, dopo una serata in compagnia degli astrofili e con una camminata di due ore. Accessi anche da Oncino e da Paesana con salita in mountain bike anche con pedalata assistita. Prevista anche un’area camper e tende, nonchè accessi per disabili.

Tutte le informazioni sulla logistica del concerto e sulla possibilità di pernottare in loco sono disponibili sul sito creato dagli organizzatori. e su Facebook nella sezione “eventi” della pagina del Parco del Monviso. Su instagram è attivo il profilo @concertodiferragosto. Le tre migliori foto pubblicate con l’hashtag #concertodiferragosto2018 vinceranno i premi messi in palio dall’organizzazione.

Per ulteriori informazioni: 0171690217 – 1 (Atl del Cuneese)
info@concertodiferragosto.it