More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Maturità 2024: Ungaretti, Pirandello e l’“Elogio dell’imperfezione” di Rita Levi Montalcini

    spot_imgspot_img

    Al via oggi, mercoledì 19 giugno, la maturità 2024 per oltre 526mila studenti. La prima prova scritta “accerta sia la padronanza della lingua italiana (o della diversa lingua nella quale avviene l’insegnamento) sia le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche degli studenti” si legge sul sito del ministero dell’Istruzione. Si inizia alle 8:30 con modalità identiche in tutti gli istituti e ha una durata massima di sei ore. I candidati possono scegliere tra tipologie e tematiche diverse: il ministero mette a disposizione per tutti gli indirizzi di studio sette tracce che fanno riferimento agli ambiti artistico, letterario, storico, filosofico, scientifico, tecnologico, economico, sociale. Gli studenti ne possono scegliere una, quella che pensano sia più adatta alla loro preparazione e ai loro interessi.

    Giuseppe Ungaretti figura nella traccia di analisi del testo 1: la sua opera, dal titolo “Pellegrinaggio”, è il brano poetico selezionato dal Ministero dell’Istruzione e del Merito. Luigi Pirandello è invece oggetto della seconda traccia di analisi del testo con il brano “Quaderni di Serafino Gubbio operatore”. Il poeta siciliano mancava all’esame di Stato dal lontano 2003. I due autori inoltre, figuravano anche tra le scommesse dei maturandi nelle scorse settimane: secondo un sondaggio di Skuola.net il drammaturgo siciliano è stato indicato da ben il 34% degli studenti, mentre l’esponente dell’ermetismo è stato ipotizzato da 1 su 4.

    Una delle tracce di testo argomentativo riguarda il tema della Guerra Fredda, partendo da un estratto da “Storia d’Europa” di Giuseppe Galasso, chiamando in causa anche la questione del conflitto atomico, tra blocchi contrapposti.

    Altra traccia di testo argomentativo della prima prova della Maturità 2024 chiede di affrontare il tema del “silenzio”partendo dal brano “Riscoprire il silenzio. Arte, musica, poesia, natura fra ascolto e comunicazione” della giornalista e saggista Nicoletta Polla-Mattiot.

    Uno dei temi di attualità parla delle nuove forme di comunicazione e di esternazione dei propri pensieri, incentivate dal digitale, che hanno sostituito il diario cartaceo. Il testo di riferimento è il libro “Profili, selfie e blog” di Maurizio Caminito, bibliografo e bibliotecario.

    Un’altra delle tracce di testo argomentativo, è incentrata sul “valore del patrimonio artistico e culturale”. Lo spunto di partenza è un estratto di un testo della giurista e professoressa universitaria Maria Agostina Cabiddu, pubblicato sulla Rivista dell’Associazione Italiana dei Costituzionalisti.

    Tra i temi di attualità proposti c’è la questione dell’imperfezione come elemento distintivo e di valore, partendo dal libro della scienziata premio Nobel Rita Levi Montalcini, dal titolo “Elogio dell’imperfezione”.

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio