More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Martedì 23 Aprile, alle ore 18,30, Romano Vola presenta il suo ultimo lavoro

    spot_img

    Dice Elisa Audino, scrittrice e traduttrice, nella sua Postfazione al libro: “Raymond Carver è a tutt’oggi considerato un imprescindibile punto di riferimento per qualsiasi scrittore che voglia definirsi tale, eppure non ha mai iniziato neanche un romanzo. Definito erroneamente un minimalista, nei racconti ha fornito uno spaccato della precarietà americana, ben lontana dal sogno, ben lontana dall’eroismo a cui tanta letteratura – e tanto cinema! – ci avevano abituati.

     

    Nnamdi Oguike, interessantissimo autore nigeriano, di cui ho curato la traduzione di «Non dire che non è il tuo Paese» (Capponi Editore) una volta mi ha confidato di aver scelto i racconti, le short stories, perché secondo lui rappresentano la forma letteraria più vicina alla poesia. Ha senso.

    Nel caso di Romano, che ha conosciuto e sperimentato tutte le forme letterarie, ha ancora più senso. Perché Romano Vola ci tiene ad andare a capo, ma diventa poetico soprattutto quando scrive prosa breve. Se in una raccolta di poesie può esserci la densità di un intero romanzo tanto che è impossibile fruirne in maniera immediata, con i racconti accade qualcosa di simile. La sintesi di un racconto si basa sulle immagini, su fotogrammi, su meccanismi che si inceppano. Su spaccati di vita. Romano Vola difficilmente separa il dato autobiografico dalla scrittura, ma nei racconti accade qualcosa che neanche lui si aspetta: qui, volente o nolente, a emergere non sono i suoi alter ego, ma il territorio in cui vive, la Langa che fu di Fenoglio e Pavese, con i suoi deserti, i suoi silenzi, i personaggi di paese, le umane debolezze, i dialoghi tra amici che si incontrano tutti i giorni e magari condividono gli stessi tornanti, le stesse curve che sono sogni, luoghi liminari contrapposti ai vissuti metropolitani. Una tensione…  C’è, nella provincia, certamente uno scorrere del tempo e delle novità diverso da quello dei capoluoghi – la provincia è difficile -, ma c’è anche un elemento quasi anarchico, il sorriso sornione di chi è cresciuto sapendo di potersela dare a gambe in un campo, tra nocciole o pannocchie, o al mare, quello specchio azzurro che sta dietro l’orizzonte. È in questo guizzo che vanno collocati i racconti di Romano Vola e il suo personale volo… Leggeteli, poi mi dite”.

    La presentazione, nella quale saranno proposti alcuni stralci tratti dal libro, è a cura, oltre che dell’autore, di Mimmo Galeasso, attore voce narrante, Giuliano Rigo, cantautore narrazioni canore, Marcello Manzo (Electraservice) spazializzazione musicale.

    Finale a “tarallucci e vino” offerti dall’autore.

    Il libro è acquistabile/prenotabile nelle librerie e online, direttamente sul sito dell’editore
    https://www.portoseguroeditore.com
     e su tutte le piattaforme online ( Amazon, Feltrinelli, IBS, Mondadori… ecc.).

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio