More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Manifestazione degli Anarchici in valle Stura

    spot_imgspot_img

    Momenti di alta tensione, ieri – sabato 29 aprile -, durante una manifestazione di anarchici contro le frontiere e per l’abolizione del regime del 41-bis, che si è svolta sul Colle della Maddalena, in Valle Stura.

    “Fortunatamente – spiega l’onorevole di Fratelli d’Italia, nonché sindaco di Argentera – le condizioni climatiche ed i presidi di sicurezza hanno portato ad una manifestazione sotto controllo, nel pieno rispetto della legalità”.

     

    “È da persone civili e rispettose dei nostri valori democratici e liberali permettere la manifestazione del pensiero a chiunque – prosegue l’onorevole piemontese che è anche vicepresidente della Commissione sicurezza -, purché ciò avvenga nel rispetto della legalità, della sicurezza ma anche del patrimonio ambientale straordinario dei nostri territori e delle persone che lo vivono. I manifestanti anarchici, invece, hanno deciso di imbrattare in modo vandalistico proprietà pubbliche e private, dal Comune di Argentera e molti altri Comuni della Valle Stura, intimando con espliciti e rivendicati riferimenti di sciogliere il regime del 41-bis a cui è stato sottoposto Alfredo Cospito, terrorista anarchico, con la conferma da parte della magistratura”.

     

    “Mettiamo subito in chiaro una cosa: sono tutti liberi di manifestare, ma lo Stato non tratta con i terroristi. Adesso dovremo utilizzare risorse pubbliche, derivanti dalle tasse dei cittadini, per ripulire tutti gli improperi scritti da alcuni cialtroni”.

     

    “Ad ogni buon conto – conclude l’onorevole Ciaburro – non posso che ringraziare doverosamente il Questore di Cuneo Parisi e tutti gli uomini e le donne dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato per l’eccellente professionalità con cui hanno garantito ordine e sicurezza durante la manifestazione, evitando il ripetersi di spiacevoli episodi quali quelli a cui abbiamo assistito nei mesi scorsi”. “Credo sia sempre più necessario individuare i responsabili di questi atti di vandalismo al fine di consentire ai danneggiati di intentare azioni volte al risarcimento dei danni. Perché – conclude – non immaginare un gratuito patrocinio per le vittime di questo tipo di reati?”.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio