NeiveLANGHEBASSA LANGAScuola

Lo chef pluristellato Enrico Crippa ospite dell’Arte Bianca

 

L’Arte Bianca di Neive ha avuto l’onore di ospitare Enrico Crippa. In questa occasione il pluristellato chef ha consegnato agli studenti Mattia Sabatini e Silvia Giamello, vincitori del Campionato Italiano di Pasticceria dedicato agli Istituti Alberghieri, un attestato di merito come riconoscimento sia per il risultato ottenuto sia per essere stati, ed essere, d’esempio per i molti coetanei che desiderano lavorare e impegnarsi per ottenere risultati eccellenti.

L’evento si è tenuto nell’aula magna della scuola di Neive, dove Enrico Crippa ha incontrato le classi quinte. La circostanza ha permesso agli studenti di porgli numerose domande, attraverso le quali lo chef ha  sottolineato quanto sia fondamentale per il suo lavoro il desiderio costante di migliorarsi e di superare ogni ostacolo. Durante questa inaspettata e interessantissima lectio magistralis il “maestro” ha ricordato ai ragazzi l’importanza dello studio, dell’applicazione, dello sbagliare, del mettersi sempre in discussione e non pensare mai di essere arrivati solo perché si è diventati famosi e stimati.

Analizzando poi le peculiarità di “Dromos”, il dolce presentato al campionato dagli studenti Sabatini e Giamello, lo chef ha sottolineato come quel prodotto sia l’esempio calzante di quanto la ricerca, lo studio e l’impegno, uniti a umiltà e voglia di mettersi in gioco, siano la formula vincente per ottenere ottimi risultati, senza, però, mai adagiarsi o pensare di aver ottenuto il meglio, perché ogni piatto, sia in cucina sia in pasticceria, può  essere rivisitato, migliorato e riprogettato.

L’incontro è stato estremamete formativo per i futuri pasticcieri poiché, attraverso i numerosi esempi e la sua esperienza, Enrico Crippa ha fatto capire loro quanto sia vario il mondo della cucina  e quello della pasticceria in particolare. Infatti uno degli argomenti trattati è stato quello relativo alle caratteristiche di due figure: il “pasticciere di bottega” (l’artigiano) e il pasticciere della brigata di un ristorante pluristellato; entrambi hanno la medesima finalità: creare un prodotto di qualità da poter vendere. Tuttavia, analizzando le caratteristiche di un pasticciere di “brigata”, è evidente che la sua formazione richiede tempi diversi, a volte più lunghi,  poiché deve assimilare la filosofia che il ristorante ha sposato.

I consigli, gli esempi, le riflessioni che Enrico Crippa ha elargito senza risparmiarsi, la semplicità con cui si è presentato agli studenti e  la sua abilità nel comunicare hanno trasformato l’incontro in una lezione di vita importantissima per tutti i presenti.

Anche il presidente della Regione Piemonte  Alberto Cirio sarebbe dovuto intervenire all’evento, ma a causa di impegni pregressi non ha potuto presenziare. Le sue congratulazioni ai due giovani pasticcieri e i complimenti a tutta l’Arte Bianca sono giunti tramite un graditissimo  videomessaggio.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com